Gip Torino choc: masturbarsi su una ragazza non è violenza sessuale

02 agosto 2017 ore 10:55, Luca Lippi
La sentenza choc del tribunale di Torino su un fattaccio avvenuto su un autobus della linea urbana. Un uomo si masturba davanti a una donna (anzi, su di lei) ma la giustizia è clemente. Il fatto discusso di fronte al giudice torinese cha ha preso la decisione destinata a creare qualche inevitabile polemica si riferisce a quanto commesso da un giovane marocchino (il fatto è stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza) che su un autobus della linea 68 a Torino, si è masturbato vicino ad una giovane passeggera, che seduta guarda fuori dal finestrino. La ragazza si accorge di avere gli abiti sporchi quando l’uomo è già sceso.
Gip Torino choc: masturbarsi su una ragazza non è violenza sessuale
L’uomo è stato raggiunto e tratto in arresto con l’accusa di violenza sessuale. Negli anni passati la Cassazione ha deciso cosa può essere o non essere violenza sessuale: nel primo caso rientrano il “succhiotto”, la “leccatina repentina” e anche “il bacio senza lingua” o quello “sul collo”. Ora la Cassazione si troverà a dover configurare anche questo episodio che il pm Andrea Padalino nonostante abbia chiesto la convalida dell’arresto per il giovane marocchino, si è visto rigettare dal tribunale di Torino la convalida dell’arresto. Dii fatto, affinchè si configuri il reato di violenza sessuale - sostiene il tribunale - deve essere provato un contatto fisico tra la vittima e il suo aggressore. Questa la tesi. Quindi se non è accertato che l’uomo tocchi la donna mentre si masturba, non si configura il reato di violenza sessuale.
La vittima ha riferito di avere sentito del calore sulla coscia sinistra” dopo che lui è sceso dal bus. “Se l’avesse toccata per masturbarsi, certamente avrebbe avvertito sensazioni ben diverse dal mero calore”, si legge nell’ordinanza. “Appare difficile, perciò, quantificare il gesto come violenza sessuale e non piuttosto come atto osceno”, aggiunge il giudice. Da qui il no al carcere, come invece aveva chiesto il pm Andrea Padalino.

#Tribunale #sentenza #reato #Violenzasessuale #Attoosceno
autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...