Biotestamento subito in Aula, De Carli (PdF): ''Blitz di regime, cattolici muti''

02 marzo 2017 ore 10:08, intelligo
“Era evidente che la strategia radicale puntasse a questo, ma è inaccettabile che i politici di ispirazione cattolica si mostrino anche stavolta così conniventi con questo tentativo di imporre per via mediatica, sulla base di emozioni, leggi che saranno fondamentali per futuro del Paese”. Così in una nota Mirko De Carli (Popolo della Famiglia), sulla notizia che vede, dopo il caso Dj Fabo, la proposta di legge sul testamento biologico che da tempo era ferma alla Camera, calendarizzata per il prossimo 13 marzo. “La propaganda che si è fatta sul caso Dj Fabo, rispetto al quale siamo tutti quanti obbligati a prestare rispetto, non toglie che siano state dette moltissime cose non vere, al fine di influenzare non solo l'opinione pubblica ma anche i parlamentari rimasti senza bussola e timorosi di apparire retrogradi''.

Biotestamento subito in Aula, De Carli (PdF): ''Blitz di regime, cattolici muti''
Mirko De Carli
''Crea particolare indignazione – dice ancora De Carli – l'atteggiamento supino dei politici di sedicente ispirazione cattolica, che sembrano seguire con sollievo l’indifferenza altrettanto inaccettabile che viene dalla Cei. L’ipocrisia della maggioranza dei parlamentari che quando arriveranno le elezioni cercheranno di farsi riconfermare mediante la fiducia dei cattolici, sta dimostrando una volta di più l'urgenza di consolidare il Popolo della Famiglia come soggetto autonomo in difesa dei valori non negoziabili – conclude De Carli – anche perché il centrodestra sembra anch’esso completamente incapace di reagire all’attacco mediatico dei radicali con una visione del problema del biotestamento che sia veritiera, organica e ben orientata da un punto di vista culturale”.

#biotestamento #djfabo #decarli

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...