Tragica rapina in villa: 35enne in coma, preso a sprangate in testa

25 gennaio 2017 ore 10:35, Americo Mascarucci
E' in #coma l'elettricista #35enne del #Bresciano che ieri sera è stato #massacrato dopo aver tentato di fermare i rapinatori intenti a svaligiare il magazzino del padre.
L'uomo residente a #Ghedi è stato colpito alla testa da un corpo contundente, una spranga o forse un piede di porco, ed ora sta lottando fra la vita e la morte nonostante i primi soccorsi praticati dalla moglie e un delicatissimo intervento chirurgico alla testa da parte dei sanitari dell'ospedale. 
I carabinieri sono certi che l'elettricista sia stato ferito con lo stesso piede di porco che i rapinatori hanno utilizzato per scardinare la finestra di casa del padre anche lui ferito lievemente al volto insieme al fratello e zio della vittima intervenuto nel corpo a corpo con i ladri. 
Tragica rapina in villa: 35enne in coma, preso a sprangate in testa

Stando a quanto ricostruito dagli investigatori il padre della vittima, che abita in una villetta distribuita su tre livelli avrebbe sentito dei rumori provenienti dal deposito di materiale e pezzi di ricambio per la ditta situato al primo livello.
Insospettito avrebbe avvisato il figlio e poi il fratello che abitano entrambi al piano superiore. 
I tre sarebbero scesi nel magazzino tentando di aprire la porta, bloccata però dall'interno dai malviventi.
I quali si sono dati alla fuga, braccati però dal 35enne e dagli altri due che hanno tentato di bloccarli.
Sarebbe nata una colluttazione nell'ambito della quale ad avere la peggio sarebbe stato appunto il figlio colpito con violenza alla testa.
I ladri sono riusciti poi a darsi alla fuga facendo perdere le loro tracce.
Le condizioni dell'uomo come detto sono molto gravi come riferito dalla moglie che per prima lo ha soccorso. 


caricamento in corso...
caricamento in corso...