Nasce intergruppo parlamentare Italia-Marocco. Ciracì: ''Ora forum permanente''

07 luglio 2017 ore 13:33, Stefano Ursi
Stringere ancora di più rapporti da sempre importanti, studiare forme di collaborazione e di partnership che facciano da moltiplicatore a possibilità di crescita e sviluppo reciproche. In un quadro globale e complessivo che necessita di essere osservato per comprenderne mutamenti e opportunità. Questo uno dei significati profondi della nascita dell'intergruppo parlamentare di amicizia Italia-Marocco, presentato oggi ufficialmente alla Camera dei Deputati, cui hanno aderito più di cento tra deputati e senatori italiani, con a capo l'On.Nicola Ciracì (Direzione Italia). Un passo che si configura come foriero di grandi spiragli e di visioni d'insieme tutte da scoprire in un futuro prossimo. 

Nasce intergruppo parlamentare Italia-Marocco. Ciracì: ''Ora forum permanente''
Una conferenza alla quale ha partecipato anche l'ambasciatore del Regno del Marocco Hassan Abouyoub. Nei giorni scorsi, dal 15 al 19 giugno, una delegazione formata da 27 parlamentari italiani ha preso parte a una visita istituzionale tra Rabat, Casablanca e Marrakech che è stata ricevuta, tra gli altri, dai presidenti delle due Camere marocchine. "Sarebbe auspicabile - dichiara Ciracì - l'istituzione di un forum parlamentare bilaterale permanente che suggellasse e implementasse i rapporti tra i nostri due grandi Paesi, anche perché le autorità marocchine richiedono una maggiore presenza dell'Italia a livello economico, turistico e politico e in tal senso il forum potrebbe giocare un ruolo decisivo".

Decisivo, perchè, come detto, le possibilità insite in una collaborazione che si cementi e di consolidi sempre più non solo a livello istituzionale ma anche economico e turistico, sono pressoché infinite. Il futuro ora è tutto da scrivere, guardando a orizzonti da costruire con iniziative sempre più incisive. Nell'ottica di una visione d'insieme sempre più strutturata e densa di prospettive.

#italia #marocco #parlamento #ciracì

autore / Stefano Ursi
caricamento in corso...
caricamento in corso...