Voto, candidati sindaci emergenti: Luca Grossi (PdF): ''Da Crema risposta di civiltà''

08 giugno 2017 ore 14:35, Stefano Ursi
Ultimi giorni di campagna elettorale nelle città dove l'11 giugno si va al voto per eleggere sindaci e consigli comunali. IntelligoNews sta conducendo un viaggio fra i vari candidati emergenti, per capirne programmi e idee, per farsi raccontare gli ultimi giorni di campagna e comprendere le realtà in cui vanno a misurarsi. A parlarci della sfida a Crema, Luca Grossi, candidato sindaco del Popolo della Famiglia.

Voto, candidati sindaci emergenti: Luca Grossi (PdF): ''Da Crema risposta di civiltà''
Luca Grossi (c) Officiale Facebook Page
Come procedono gli ultimi giorni di campagna elettorale?

''Premetto subito che agli ultimi incontri di campagna elettorale ho rinunciato: è una sorta di caravanserraglio dove tutti dissertano di tutto e promettono troppo su temi particolari. Dalla viabilità al sociale, passando per la sicurezza e la lotta all'inquinamento sono problemi a cui i candidati rispondono proponendo soluzioni molto simili, ovvie e condivisibili e per discutere i quali vale molto di più un atteggiamento inclusivo che divisivo. Chi mi conosce sa che sono un professionista prestato alla politica, sa che sono un uomo libero e indipendente dagli schemi imposti dal sistema mediatico e che ho una visione civile e costruttiva dell'impegno a favore del bene comune. In un contesto amministrativo comunale, a fare la differenza credo siano le qualità del candidato, la sua propensione all'uso retto della ragione e la sua sincera, intima e convinta attenzione al bene comune, che nella mia visione della società è incardinato sulla famiglia, ''prisma'' attraverso cui considerare tutti i problemi sociali e attraverso cui passano anche tutte le questioni politiche. Mi rendo conto che l'assenza agli incontri pubblici fra candidati a sindaco su temi specifici che riguardano Crema e i suoi quartieri abbia potuto essere fraintesa e letta quale indizio di debolezza programmatica o segno di contenuta propensione alla dialettica pubblica, ma i ritorni che ho avuto vanno in direzione opposta. Credo che la città possa veramente cambiare, a patto che si faccia un passo oltre l'attuale sistema politico di gestione della cosa pubblica e in particolare si adottino schemi di comunicazione più onesti: cambiamento possibile solo con un soggetto politico nuovo e alternativo: il Popolo della Famiglia''.

Qual'è il rapporto con le altre forze politiche?

''La mia, come dicevo prima, è una candidatura di servizio e nelle altre formazioni politiche conosco un po' tutti e devo dire che c'è stima reciproca''.

Sulla non partecipazione ai talk-show ci ha già detto; per quanto riguarda il suo no al test del capello sulla positività alle droghe?

''In primis ritengo che ci sia un diritto alla privacy che va rispettato e non mi risulta, peraltro, che ci siano dei paletti per i candidati relativamente a questo. Allora dovremmo richiedere anche un test sulle eventuali malattie da cui si può essere affetti? Ma la cosa che va messa più in evidenza è che a chiedere questo ci sono due partiti come Pd e Movimento 5 Stelle che in Parlamento appoggiano la legge sulle droghe leggere. Incoerenza totale''.

Appello al voto.

''Il PdF è famiglia di uomini e donne di diverso orientamento culturale e religioso, anche agnostici, consci che la battaglia profamily è antropologica prima che partitica. Alla comunità cremasca proponiamo la rivalorizzazione dell'umanesimo cristiano tramite misure a reale sostegno della famiglia, così come declinata dall'art. 29 della Costituzione. Reddito di maternità, quoziente famiglia, rimodulazione delle tariffe comunali sulla base del reale carico familiare, azioni a sostegno della natalità e delle giovani coppie di sposi, a cui va destinata una adeguata quota di bilancio. Non conta da dove veniamo, i partiti o i leader che abbiamo scelto in passato, conta dove vogliamo andare. Che società e umanità vogliamo proteggere. Guardate la vostra famiglia negli occhi, i vostri figli, e troverete la risposta''.

#pdf #crema #elezioni #voto #sindaco
autore / Stefano Ursi
caricamento in corso...
caricamento in corso...