Mega blitz tra Brindisi e Lecce: 58 arresti per spaccio, armi, omicidio e Scu

12 dicembre 2016 ore 15:00, Micaela Del Monte
Cinquantotto arresti per presunta affiliazione mafiosa alla Sacra Corona Unita e reati collegati, tra cui l'omicidio di Antonio Presta, il figlio del collaboratore di giustizia Gianfranco Presta, ucciso il 5 settembre 2012.  Un vero e proprio blitz quello che la Dia ha messo a segno questa mattina nel Brindisino che ha appunto alle decine di arresti per reati di associazione mafiosa, concorso in omicidio, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, porto e detenzione illegali di armi da fuoco. Durante le indagini, svolte dai Carabinieri di Brindisi, sono state intercettate frasi connesse ai riti di affiliazione alla Sacra Corona Unita.
Mega blitz tra Brindisi e Lecce: 58 arresti per spaccio, armi, omicidio e Scu
L’inchiesta è figlia delle precedenti operazioni “Augusta” e “Network” e vede ancora al centro delle indagini il gruppo “Vernel“, quello orbitante attorno ad Andrea Leo di Vernole. L'operazione, iniziata alle prime luci dell'alba, ha visto impegnati oltre 100 uomini della Direzione Investigativa Antimafia di Lecce. I militari stanno eseguendo l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti dei diversi soggetti indagati. I provvedimenti sono a firma del gip di Lecce Alcide Maritati su richiesta del procuratore aggiunto Dda Guglielmo Cataldi.
caricamento in corso...
caricamento in corso...