Legge Fiano, Fiore (FN): ''Vecchi odi. Non passerà, tanto meno prima del 28"

13 settembre 2017 ore 13:12, Stefano Ursi
Primo via libera della Camera dei Deputati alla proposta di legge, a prima firma Emanuele Fiano (PD), sull'introduzione dell'articolo 293-bis nel codice penale relativo al reato di propaganda fascista. A favore si sono espressi in 261, i contrari 122 e 15 gli astenuti. Hanno votato a favore Pd, Ap, Mdp, Sinistra italiana, Civici e Innovatori, Ds-Cd. Hanno votato contro M5S, FI, Lega, FdI, i verdiniani. Il testo, che si compone di un solo articolo, passa ora all'esame del Senato. Sull'ok della Camera e sugli eventuali sviluppi relativi alla marcia, o corteo, dei patrioti in previsione per il 28 ottobre prossimo a Roma, IntelligoNews ha sentito il leader di Forza Nuova, Roberto Fiore.

Legge Fiano, Fiore (FN): ''Vecchi odi. Non passerà, tanto meno prima del 28'
Roberto Fiore
Come giudica la proposta di legge Fiano sull'apologia di fascismo a cui la Camera ha dato il primo ok?

''Una proposta inutile, dannosa, che cerca di cancellare un pezzo di storia e riporta alla luce vecchi odi che riguardano una piccola élite di residui antifascisti. Peraltro non passerà al Senato perché non ci sono i voti, come per lo Ius Soli''.

Ci sono novità relativamente alla marcia del 28 ottobre a Roma?

''Il corteo dei patrioti si farà, come abbiamo già detto, non vedo problemi. Io sto insistendo perché questo corteo venga fatto proprio il 28, a dimostrazione che la guerra civile finita nel 1945 e la marcia su Roma avvenuta nel 1922 non possano assolutamente toccare delle proteste politiche''.

Se dovesse passare la legge Fiano come verrebbe giudicata la marcia del 28?

''Innanzitutto non passerà anche perché in base ai tempi non si può farla prima del 28, ma in ogni caso il corteo dei patrioti verterà sui gravissimi problemi sociali e di emergenza, come il terrorismo, l'invasione in atto e dobbiamo aggiungere, in questo caso, anche la difesa delle libertà politiche, che sono in pericolo''.

#fiano #apologia #fascismo

autore / Stefano Ursi
caricamento in corso...
caricamento in corso...