F8, Facebook sogna la "second life" della realtà aumentata con Spaces

19 aprile 2017 ore 8:56, Micaela Del Monte
Che Mark Zuckerberg avesse ormai la "fissa" per la realtà aumentata l'avevamo già capito ma a dimostrarlo è stata la conferenza dei social network dedicata agli sviluppatori, ovvero l'F8 2017. Durante l'incontro il creatore di Facebook ha infatti esposto alcune sue idee riguardo al futuro del social blu e mostrando anche i progetti che a breve arriveranno sulla piattaforma. Le novità saranno tantissime e la parola chiave di tutte sarà la realtà aumentata.

F8, Facebook sogna la 'second life' della realtà aumentata con Spaces
REALTA' AUMENTATA
- La realtà aumentata, ha detto Zuckerberg, è "il secondo atto" del trend che vede foto e video sempre più centrali rispetto al testo, e quindi della fotocamera sempre più importante rispetto alla tastiera. Questa tecnologia, ha aggiunto, "aiuterà a fondere reale e digitale in modi del tutto nuovi e renderà il mondo fisico migliore". Il numero uno della compagnia confessa di aver pensato all'inizio che gli occhiali "smart" fossero il mezzo prediletto per la realtà aumentata, ma poi ha virato sugli smartphone. Un'altra frecciatina agli occhiali "Spectatles" lanciati lo scorso autunno da Snapchat.

FACEBOOK SPACES - "Oggi oggi lanciamo il nostro primo prodotto social per la realtà virtuale". Così il numero uno di Facebook Mark Zuckerberg anticipa il lancio di Facebook Spaces, svelato durante il keynote della conferenza per gli sviluppatori F8 in corso a San Jose, California. Facebook Spaces, disponibile da oggi in versione 'beta', è una sorta di Facebook parallelo, in formato tridimensionale e virtuale, con tanto di propri avatar costruiti dagli utenti a propria immagine e somiglianza. Dentro "Spaces", una sorta di Second Life moderno, gli utenti possono guardare video e foto a 360 gradi e perfino usare un selfie stick virtuale. La piattaforma è integrata con le videochiamate di Messenger per interagire con i propri contatti.

Di fatto si tratta di un’app che rende possibile interagire con i propri amici in realtà virtuale, qualcosa cui Menlo Park puntava sin dall’acquisizione della società specializzata in realtà virtuale Oculus VR nel 2014.
Tramite l’app, che proprio martedì è stata lanciata in versione beta, gli utenti possono creare un avatar digitale a propria immagine e somiglianza, partendo da una propria foto e personalizzandola, che potranno usare per chattare o interagire con gli amici in realtà virtuale. Durante queste “interazioni” si potrà guardare video a 360 gradi, disegnare con pennarelli virtuali, o contattare altri amici attraverso Messenger.

MESSENGERGià lo scorso anno Zuckerberg aveva introdotto i bot nella chat di Facebook, ora però è stata annunciata l’estensione dei bot ai gruppi, con la possibilità di avviare chat di gruppo: se ad esempio un gruppo di amici sta collaborando alla creazione di una playlist musicale per una festa, adesso i membri potranno ad esempio usare Spotify per condividere musica direttamente nella conversazione o ascoltare le canzoni senza lasciare Messenger.
Lo sviluppo dell’app di messaggistica passerà anche da “M”, l’assistente virtuale di Messenger, le cui funzionalità sono state arricchite grazie all’intelligenza artificiale. M sarà adesso in grado di fornire suggerimenti su diversi temi: ad esempio, in una chat su cosa mangiare per cena potrà consigliare di effettuare un’ordinazione su un sito di cibo a domicilio.

caricamento in corso...
caricamento in corso...