Trump dal Papa, Francesco lo "provoca" coi doni, lui celebra l'anti-razzismo

24 maggio 2017 ore 10:49, Americo Mascarucci
Più che le parole nell'incontro di oggi in Vaticano fra Papa Francesco e il presidente Usa Donald Trump hanno sicuramente contato i doni. La visita privata fra i due è durata in tutto 40 minuti ed è stata improntata alla massima cordialità. Il primo incontro dopo il "grande gelo" iniziato già ai tempi della campagna elettorale per le presidenziali e proseguito ancora con le prime scelte di Trump soprattutto in tema di immigrazione.
Trump dal Papa, Francesco lo 'provoca' coi doni, lui celebra l'anti-razzismo

I DONI - Intorno alle 9, si è aperta la porta della biblioteca privata ed è stata fatta entrare la first lady, Melania Trump, che ha salutato Francesco al quale era accanto il presidente Usa. Melania, dopo alcune parole di saluto, ha fatto benedire dal Papa il rosario che portava tra le mani. Poi è stata la volta del seguito papale, guidato dalla figlia del presidente americano, Ivanka Trump, con il consorte, Jared Kushner.  
Il Pontefice ha regalato a Trump l'enciclica "Laudato si'" il manifesto ambientalista di Francesco lodato da Obama e criticato invece dai Repubblicani. Bergoglio ha donato poi a Trump altri due documenti - la Evagelii gaudium e l'Amoris Laetitia - che sono i documenti papali che esaltano la fratellanza universale, l'accoglienza e la misericordia. Il Papa ha inoltre regalato a tutti i presenti un rosario e, dopo che il seguito del presidente Usa ha lasciato la stanza, si è intrattenuto ancora a parlare con lui e la first lady a cui ha donato il Messaggio della pace di quest'anno, e un medaglione in bronzo con il ramoscello d'ulivo. 
Ma anche il Presidente da parte sua è sembrato voler lanciare un messaggio di pace a Francesco tramite il segno dei doni: ha regalato un cofanetto di libri dello storico leader per i diritti civili afroamericano Martin Luther King , premio Nobel per la Pace, assassinato a Memphis il 4 aprile 1968: "Questo è un regalo per Lei, sono i libri di Martin Luther King, credo che le piaceranno", ha detto il presidente.
Altro dunque che presidente razzista come lo hanno dipinto tanti suoi detrattori e come in parte molti ritengono sia anche nei sacri palazzi. Insomma, alle "provocazioni"papali ha fatto da contraltare la distensione trump-iana?

#trump #papafrancesco #doni #visita
caricamento in corso...
caricamento in corso...