Olio di palma, vince Ferrero: Nutella "non fa male" nemmeno in tribunale

03 giugno 2017 ore 10:48, Americo Mascarucci
Ferrero ha vinto la battaglia legale contro la concorrente belga Delhaize. La Corte d'appello di Bruxelles ha dato ragione al gruppo italiano, ribaltando la sentenza di primo grado, ed ha ordinato al gruppo Delhaize di cessare la campagna sulla cioccolata spalmabile certificata "senza olio di palma". Delhaize dovrà rimuovere la campagna per il prodotto della propria marca altrimenti dovrà pagare una sanzione da 25 mila a un milione di euro.
Olio di palma, vince Ferrero: Nutella 'non fa male' nemmeno in tribunale

IL CASO - Sui barattoli del cioccolato Delhaize era stato apposto un bollino che specificava come il prodotto fosse "senza olio di palma". Secondo la Ferrero questo denigrava la Nutella, che invece contiene l’olio. I giudici di Bruxelles hanno dato ragione al produttore italiano in una sentenza di una settantina di pagine, parlando di indicazioni ambientali e di salute illegali, poiché "non verificabili e quindi non oggettive".

OLIO DI PALMA - L'olio del frutto della palma e l'olio di semi di palma (quest'ultimo detto anche olio di palmisto) sono degli oli vegetali, prevalentemente costituiti da trigliceridi con alte concentrazioni di acidi grassi saturi, ricavati dalle palme da olio, principalmente Elaeis guineensis ma anche da Elaeis oleifera e Attalea maripa.
L'uso dell'olio di palma è cresciuto nel corso della seconda metà del XX secolo, tanto da farlo divenire un ingrediente di uso diffuso dell'industria alimentare, nella quale sono andati a sostituire, per il basso costo e per le sue caratteristiche, altri grassi di uso tradizionale nei paesi a clima temperato, quali Europa e Nord America. Costituenti spesso fondamentali di molti prodotti alimentari, gli oli di palma, insieme a farine e zuccheri semplici, possono essere uno dei tre ingredienti prevalenti in molte creme, dolci e prodotti da forno di produzione industriale nei paesi importatori del prodotto, mentre, in forma non raffinata, è un tradizionale ingrediente di uso domestico nei paesi dell'Africa occidentale subsahariana.

L'ALLARME EFSA - L'Efsa, autorità competente nel campo della sicurezza alimentare ha stabilito in passato che l'olio di palma è dannoso per la salute, soprattutto per quella dei bambini. E sarebbe arrivata a questo risultato dopo uno studio decennale e molto accurato. 
Le sostanze tossiche analizzate dall'Efsa sono tre. Si tratta di contaminanti a base di glicerolo che rimangono negli oli vegetali raffinati ad alta temperatura (200 gradi). Si trovano in tutti gli oli vegetali ottenuti con questo processo industriale, ma la maggiore quantità si troverebbe nell'olio di palma. Dei tre composti che hanno fatto lanciare l’allarme in Efsa, i GE (glicidil esteri degli acidi grassi) sono i più pericolosi. Helle Knutsen, presidente del gruppo di lavoro Contam dell’Efsa, ha dichiarato senza mezze misure: "Ci sono evidenze sufficienti che il glicidolo (prodotto dalla digestione del GE, ndr) sia genotossico e cancerogeno. La pericolosità di questo composto – presente in quantità doppia nei prodotti industriali fino al 2015 – non consente di prevedere una soglia massima di esposizione quindi deve essere eliminato".
Olio di palma, vince Ferrero: Nutella 'non fa male' nemmeno in tribunale

LA BATTAGLIA DI FERRERO - L'azienda italiana dopo l'allarme EFSA organizzò un convegno a Milano proprio con l’obiettivo di sfatare "il falso mito della pericolosità dell’olio di palma". Se molti marchi si vantano nelle campagne pubblicitarie di realizzare prodotti senza olio di palma, la Nutella è sempre andata in controtendenza. 
"Siamo in grado di produrre i nostri prodotti utilizzando l'olio di palma perché dal punto di vista della sostenibilità ambientale il nostro olio è migliore di quelli utilizzati dai concorrenti", dichiarò Alessandro d'Este, presidente e ad di Ferrerocommerciale Italia.
Sulla pericolisità dell'olio di palma si attende il parere del Ministero della Salute.

LA SENTENZA - Il gruppo belga avrebbe indotto i consumatori, con la sua strategia, a ritenere che la cioccolata senza olio di palma sia più salutare. Ferrero ha sottolineato che è illegale asserire che un alimento senza olio di palma sia più salutare e rispettoso dell'ambiente rispetto a un prodotto che lo contiene. In particolare, secondo la Corte d’Appello, Delhaize farebbe un riferimento illegittimo al parere di alcuni medici. "Facendo passare il messaggio che l’olio di palma sia in qualche modo dannoso per la salute, il gruppo belga ha alterato il comportamento dei consumatori generando una forma di concorrenza sleale nei confronti del diretto concorrente Ferrero".

#oliodipalma #nutella #ferrero #sentenza


caricamento in corso...
caricamento in corso...