Ristorante cinese choc chiude le porte ad italiani ma "nessuna discriminazione"

30 gennaio 2017 ore 17:54, intelligo
Sono stati discriminati Alessandro e il suo amico quando il giorno del #capodanno cinese sono andati a mangiare al #ristorantecinese vedendosi #rifiutare l'#entrata? Per il protagonista di questa vicenda, che ha raccontato la sua versione al Gazzettino, sì: si sono visti rifiutare un tavolo per discriminazione. Ma i #gestori del ristorante, da oltre 30
Ristorante cinese choc chiude le porte ad italiani ma 'nessuna discriminazione'
anni conosciuto a Mestre, non ci sta e ha deciso di replicare.
"Non abbiamo fatto sedere i due clienti perché il locale era tutto prenotato e dopo poco sarebbero arrivate due comitive da 50 persone. Non discriminiamo nessuno" spiega Simona, una delle responsabili del cinese mestrino di via Circonvallazione.
Poi ha continuato: "Da noi vengono abitualmente a mangiare italiani. Ma sabato, con il Capodanno cinese da festeggiare far sedere i due clienti sarebbe significato farli attendere almeno un'ora come era successo con altri due clienti il giorno prima. Non era una discriminazione soprattutto se aggiunta al fatto che avevamo delle prenotazioni ed è tutto documentabile conclude Simona Loro però si sono impuntati ed han chiamato la polizia a cui abbiamo spiegato la situazione. Non è stato fatto alcun verbale". Ma il diretto interessato anche dalle pagine de Il Messaggero racconta un'altra versione: "Quando ho varcato l’ingresso del ristorante una donna cinese mi è venuta incontro e alla mia richiesta se potevo sedermi ad un tavolo con un amico mi ha risposto candidamente: ‘Ai locali non diamo da mangiare'”.
Da qui un’ondata di indignazione social che potete intuire...

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...