Un po' di cioccolato al giorno toglie l'aritmia di torno: i benefici al cuore

05 giugno 2017 ore 13:17, Andrea Barcariol
Anche il mondo del cinema ne ha più volte celebrato le proprietà. Ora a confermare che il cioccolato non è solo un pericolo per la linea, ma aiuta a migliora la salute del cuore, è la ricerca pubblicata dall'Harvard Medical School. Dallo studio, chiamato Danish Diet Cancer and Health e durato 13 anni, emerge che mangiare 6 volte alla settimana uno snack a base di cioccolato può aiutarci a prevenire l’aritmia, ovvero una frequenza cardiaca irregolare che può favorire il rischio di patologie cardiovascolari.

Un po' di cioccolato al giorno toglie l'aritmia di torno: i benefici al cuore
La ricerca che si è svolta in Danimarca, ha interessato un campione molto ampio relativo a 55mila volontari tra uomini e donne. Gli studiosi, in questi 13 anni, hanno anche tenuto conto delle abitudini e dello stile di vita dei partecipanti, ad esempio è stato esaminato l'indice di massa corporea, la pressione, il livello del colesterolo, l'eventuale presenza di patologie quali diabete e disturbi cardiovascolari. Nell'arco di questi 13 anni i ricercatori hanno individuato 3.300 casi di fibrillazione atriale. Tuttavia nel caso di introduzione nella dieta del #cioccolato, il rischio di fibrillazione atriale andava a diminuire complessivamente del 17%, negli uomini si arrivava anche al 20% con il consumo di 6 pezzi di cioccolato a settimana. Per entrambi i sessi bisogna far attenzione al dosaggio. I numeri parlano chiaro: mangiarne di più non porta benefici, anzi, riduce la percentuale al 16%. «Nonostante la maggior parte del cioccolato consumato durante la ricerca avesse una concentrazione relativamente bassa di ingredienti potenzialmente protettivi, abbiamo trovato una significante associazione tra il suo consumo e l’abbassamento del rischio di fibrillazione atriale - ha spiegato la ricercatrice Elizabeth Mostofsky - Tutto ciò suggerisce che anche piccole quantità di cacao possono avere un impatto positivo sulla nostra salute. Mangiare troppo cioccolato, invece, non è raccomandato perché tanti prodotti sono ricchi di zuccheri, grassi e calorie».

STUDI
Sulla stessa linea un recente studio dell'Osservatorio Grana Padano (Opg), condotto su un campione di oltre 4000 persone, che ha dimostrato come il consumo di 60 grammi di cioccolato a settimana è associato a un minor rischio di patologie cardiovascolari, come ipercolesterolemia e ipertensione, rispetto alla media della popolazione italiana. Lo studio è di tipo osservazionale, spiega Michela Barichella, presidente della Brain&Malnutrition Association e membro del comitato scientifico Ogp: “Grazie alla collaborazione con specialisti, abbiamo condotto una serie di interviste online, raccogliendo tutti i dati relativi alla salute degli intervistati, come presenza di patologie, e le abitudini alimentari, quali il consumo di prodotti a base di cioccolato, sia come dolci al cucchiaio che barrette”. Mettendo insieme le risposte di 4.186 soggetti adulti italiani (età maggiore di diciotto anni, 56% femmine, 46% maschi), i ricercatori hanno osservato che quando il consumo di cioccolato si avvicina appunto ai 60 grammi settimanali il rischio cardiovascolare sembra diminuire rispetto alla media della popolazione italiana. In particolare, il 12% del campione dichiarava di essere in terapia farmacologica per l’ipertensione e il 4% riferisce di avere dislipidemia (valore elevato di colesterolo e trigliceridi), contro il 19,8% di ipertensione e il 23,6% di sola ipercolesterolemia della popolazione italiana tra i 18 e i 69 anni rivelate dall’indicatore Passi.
Anche in questo caso, però, attenzioni alle dosi: 20 grammi di fondente al 70%, tre volte a settimana, suggerisce lo studio: "Mangiandone tanto il beneficio non aumenta, infatti, le cioccolate e gli alimenti a base di cacao sono spesso altamente calorici, e il beneficio del cacao lo si ottiene già con consumi ridotti”.
caricamento in corso...
caricamento in corso...