Catastrofe Yemen, epidemia di colera mai vista: la ''tripla minaccia''

09 giugno 2017 ore 20:54, Stefano Ursi
Lo Yemen è flagellato da un'epidemia di colera senza precedenti: le vittime continuano ad aumentare e la situazione si fa di giorno in giorno sempre più critica. Secondo quanto riportano le stime dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, fra il 27 Aprile e il 3 Giugno i decessi accertati sono 789 e hanno superato i 100mila casi sospetti. L'Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari (OCHA) ha reso noto come si tratti di un'epidemia su una scala che non ha precedenti e la situazione peggiora costantemente. L'epidemia – spiega OCHA – è una manifestazione della terribile catastrofe umanitaria in corso in Yemen; più della metà di tutte le strutture sanitarie non funzionano più a causa del conflitto e 6,8 milioni di persone sono già a rischio di carestia. I lavoratori sanitari non sono stati pagati per più di otto mesi e solo il 30% delle forniture mediche necessarie vengono importate nel paese, la raccolta dei rifiuti nelle città è irregolare e più di 8 milioni di persone non hanno accesso ad acqua potabile e adeguata igienizzazione.

Catastrofe Yemen, epidemia di colera mai vista: la ''tripla minaccia''
img.rep.
IL RISCHIO ESCALATION - Il rischio che l'epidemia si diffonda ulteriormente e che colpisca migliaia di persone, spiega ancora l'organizzazione internazionale, è aggravata dalla stagione delle piogge, dall'insicurezza alimentare diffusa e dalla malnutrizione. Milioni di persone sono ora più a rischio di morte, in quanto affrontano la "minaccia tripla" di conflitti, carestie e colera, in particolare nei 95 distretti più colpiti. UNICEF e OMS si stanno concentrando in quelle zone del paese col numero maggiore di casi per fermare l’ulteriore diffusione della malattia. ''Questi ‘punti caldi’ per il colera sono la fonte principale della trasmissione della malattia nel paese,'' ha dichiarato il dottor Nevio Zagaria, a capo dell’ufficio dell’OMS in Yemen. ''Sconfiggere il colera in queste zone significa poter rallentare la diffusione della malattia e salvare vite; allo stesso tempo, stiamo continuando a supportare un trattamento precoce e adeguato per i malati e a condurre attività di prevenzione nel paese''.

''L’epidemia di colera sta rendendo una situazione già terribile per i bambini ancora perggiore. Molti dei bambini che sono morti a causa della malattia erano anche affetti da malnutrizione acuta'', ha dichiarato Meritxell Relaño, rappresentante dell’UNICEF in Yemen. ''Oggi, la vita per i bambini in Yemen è una lotta disperata per la sopravvivenza, con il colera, la malnutrizione e le violenze ininterrotte che suonano quasi come una condanna a morte,'' ha concluso. Il colera – si legge sul sito Epicentro dell'ISS – è un’infezione diarroica acuta causata dal batterio Vibrio cholerae. La sua tramissione avviene per contatto orale, diretto o indiretto, con feci o alimenti contaminati e nei casi più gravi può portare a pericolosi fenomeni di disidratazione. In alcuni soggetti, si legge, la continua perdita di liquidi può portare alla disidratazione e allo shock, che nei casi più gravi può essere rapidamente fatale e portare alla morte.

#colera #epidemia #Yemen #catastrofe
autore / Stefano Ursi
caricamento in corso...
caricamento in corso...