Consiglio Ue, presidente Tusk rieletto: con Polonia è "guerra fredda"

10 marzo 2017 ore 10:30, Americo Mascarucci
Donald Tusk, ex primo ministro liberale della Polonia dal 2007 al 2015, è stato riconfermato dal Consiglio dell'Unione Europea alla carica di presidente. La sua elezione però non è stata unanime ottenendo 27 sì contro un no, quello della Polonia.
Dopo aver votato contro la riconferma del suo ex primo ministro, il Governo conservatore polacco minaccia ora ritorsioni.

LE MINACCE DI VARSAVIA
"Nulla può essere deciso senza il nostro consenso", aveva annunciato la premier polacca signora Beata Szydlo lanciando un ultimatum a non riconfermare Tusk.
Come reazione alla riconferma avvenyta, Varsavia ha deciso di bloccare le conclusioni del Consiglio sugli altri temi all'ordine del giorno, a partire dall'immigrazione. 
Infatti se anche solo un Paese non vota le conclusioni, queste non possono essere approvate come tali e vengono quindi trasformate in dichiarazioni della presidenza.
Anche la premier inglese Theresa May ha votato la riconferma di Tusk nonostante alla vigilia si fosse parlato della possibile astensione del Regno Unito.
Consiglio Ue, presidente Tusk rieletto: con Polonia è 'guerra fredda'

LE CONSEGUENZE
Il rischio ora è che la Polonia possa bloccare, appellandosi al diritto di veto, scelte fondamentali che il Consiglio si troverà a dover prendere. E poi c'è sempre lo spettro della Brexit dietro l'angolo, la riconferma di Tusk potrebbe costituire un ottimo pretesto al Governo polacco per accrescere il malcontento verso Bruxelles nell'Est europeo creando le condizioni per una rottura.
Ma perché Tusk è così odiato dall'attuale Governo?
Quando nell'aprile 2010 l'allora capo dello Stato polacco Lech Kaczynski, fratello gemello di Jaroslaw leader  dei neoconservatori oggi al Governo in volo verso Smolensk, morì nel disastro aereo in fase di atterraggio insieme a buona parte del governo e dell'establishment militare e politico polacco, si disse che l'attentato era parte di un complotto ordito dalla Russia con la complicità proprio di Tusk fedelissimo di Putin. Accuse ovviamente mai dimostrate ma che la dicono lunga sul clima che si respira a Varsavia.
#Tusk #consiglioue #polonia
 

caricamento in corso...
caricamento in corso...