Catalogna, appello inusuale di Tusk a Puigdemont: "Non dichiari indipendenza"

10 ottobre 2017 ore 16:28, intelligo
Siamo agli ultimi appelli accorati. Stavolta l'Unione Europea scende in campo con più forza e più nettamente e lo fa con il presidente dell'Unione europea Donald Tusk che ha invitato il leader separatista catalano Carles Puigdemont a non prendere decisioni che potrebbero rendere impossible il dialogo con Madrid. Si attende tra poche ore il l'intervento al parlamento catalano di Puigdemont, dove potrebbe dichiarare l'indipendenza dalla Spagna, ma tanti sono i rischi e il rischio contaggio è inevitabile. 
"Oggi le chiedo di rispettare nelle sue intenzioni l'ordine costituzionale e di non annunciare una decisione che renda questo dialogo impossibile" ha detto Tusk a Bruxelles, chiedendo una soluzione negoziata a uno scontro che ha ha fatto tremare tutta l'Unione. "Rivolgo questo appello non solo come presidente del consiglio europeo, ma anche come credente dell'unione nella diversità, come regionalista e come un uomo che sa cosa significhi essere colpito da un manganello della polizia, e come ex premier di un Paese europeo. In poche parole, come qualcuno che capisce e sente gli argomenti e le emozioni di tutte le parti", afferma Tusk. "Oggi chiedo a voi di rispettare l'ordine costituzionale e non annunciare una decisione che renderebbe tale dialogo impossibile" è stata la sua ultima richiesta. 
D'altronde, la situazione in Catalogna "naturalmente è preoccupante" è va risolta il più rapidamente possibile perché "crea incertezza" che può colpire anche altri Paesi secondo Maurice Obstfeld, capo economista dei Fmi, che si unisce al coro preoccupato. 
Rimane il fatto Tusk ha compiuto un gesto inusuale, quello di rivolgersi direttamente a Puigdemont e di chiedere a Mariano Rajoy, di "cercare una soluzione al problema senza uso della forza e di cercare il dialogo, perchè la forza degli argomenti è sempre meglio degli argomenti della forza". 

#tusk #catalogna #indipendenza
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...