Migranti in Frontex all'Italia, "Triton è vostra". La proposta Bonino

11 luglio 2017 ore 9:41, intelligo
Secondo il piano di Triton, voluto dall'Italia, gli sbarchi "possono" anche avvenire a Malta. Ma come eccezione e solo in determinati casi particolari, non come regola. Dunque "il piano operativo di Triton dice che l'Italia è il Paese ospitante della missione. Se qualche altro Stato volesse aggiungersi, da un punto di vista teorico la possibilità ci sarebbe. Ma mi pare uno scenario molto complicato, anche perchè le attività sono tutte guidate dalla Guardia Costiera Italiana". E' chiara l'intervista alla Stampa della portavoce dell'agenzia Ue Ewa Moncure. 
A Varsavia è in programma la riunione con i rappresentanti degli altri paesi e il governo si presenta con la richiesta di "regionalizzare" l'attività di Triton ovvero, consentire alle navi che operano, di attraccare anche in altri porti europei dopo i salvataggi in mare e la faccenda finisce al centro del dibattito anche per questo. 
Migranti in Frontex all'Italia, 'Triton è vostra'. La proposta Bonino
TRITON: Per Ewa Moncure il problema non si pone: "Tutte le attività di Triton sono coordinate dalla Guardia Costiera, che decide come distribuire le imbarcazioni. Su tutte le navi e su tutti gli elicotteri che partecipano all'operazione, poi, sono sempre presenti ufficiali italiani. Triton non funziona in modo autonomo, ma e' come se operasse per conto dei confini italiani". Ma attenzione, come spiegato nell'intervista "Triton è una delle tante operazioni di Frontex, non è l'unica. E funziona esattamente come le altre che abbiamo in Spagna (Hera, Indalo e Minerva) o in Grecia (Poseidon). Ogni operazione ha un Paese che la ospita, nel caso di Triton, e' l'Italia. Che quindi si fa carico degli sbarchi. Non c'è niente di speciale in questo: e' stato deciso cosi' nel momento in cui è stata avviata" e cioè nel 2014. 

SOLUZIONI: Si pensa all'ipotesi di regionalizzare gli sbarchi in altri porti mediterranei dell'Ue: "Non spetta a noi decidere su questo - ha concluso la portavoce di Frontex -, ma serve una discussione tra gli Stati che partecipano a Triton. Vediamo cosa uscirà dalla riunione".

PROPOSTA BONINO: "Sui migranti per ora non abbiamo ottenuto molto dall’Europa. Ma non per questo dobbiamo desistere", dice l’ex ministro degli Esteri Emma Bonino che propone una strada "in salita ma legale e percorribile". L’applicazione di una direttiva di 16 anni fa che permetterebbe di distribuire i migranti fra Paesi europei come riporta la Stampa. "Fenomeni epocali come questo si possono affrontare solo se gli stati europei fanno fronte comune" ha detto Emma.   

#migranti #frontex #triton
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...