Voucher 'ristretto' cambio in corsa di Poletti: "Solo famiglie e imprese artigiane”

02 marzo 2017 ore 12:58, Luca Lippi
Ci siamo, il ministro del lavoro Poletti ha la soluzione al problema dei voucher. In sostanza la sua idea è quella di riportarli alla loro funzione naturale: “Penso che vadano usati dalle famiglie per i piccoli lavori e non dalle imprese, che hanno i contratti”. Si  tornerebbe in questo modo a una versione soft, simile a quella introdotta nel 2003 senza quelle polemiche arrivate dopo, quando il campo di applicazione dei voucher è stato ampliato. Uno spostamento, o ricollocazione, decisamente a sinistra a cominciare dalle politiche sul lavoro almeno per quanto concerne quello che ne compone il corollario.

NEL DETTAGLIO
Le famiglie, che li usano per pagare colf e badanti, i buoni resterebbero con le regole di adesso, come il tetto di reddito da 7 mila euro l’anno. Di fatto sarebbe un’abolizione, considerato che oggi le famiglie coprono solo il 2% del totale dei buoni venduti.
Le imprese non potrebbero usare più i voucher, ed è questa la grande novità. Anche se ci sarebbero due eccezioni. Una sicura, per l’agricoltura: qui si potrebbero pagare con i buoni solo studenti e pensionati per le attività stagionali, come la vendemmia. L’altra ancora in discussione: i buoni resterebbero utilizzabili dalle aziende senza dipendenti, in sostanza dagli artigiani. 

IPOTESI DECRETO
Dei voucher si sta occupando la commissione Lavoro della Camera, dove l’accordo sull’ok solo alle famiglie va dal Pd Cesare Damiano a Forza Italia, con l’ex sindacalista Renata Polverini. Difficilmente quel testo riuscirà ad arrivare al traguardo in tempo utile, visto che al voto mancano al massimo quattro mesi. Per fermare il referendum servirà un decreto legge del governo. Con le sue parole di ieri il ministro Poletti ha già messo la sua firma su quel testo. Non a caso, una battuta che circola nel Pd lo definisce il "capogruppo ombra degli scissionisti".

Voucher 'ristretto' cambio in corsa di Poletti: 'Solo famiglie e imprese artigiane”

IL REFERENDUM
La Cgil sembra orientata a dichiararsi soddisfatta dalle modifiche. E potrebbe non insistere per il voto sul referendum che, con queste modifiche, faticherebbe parecchio a raggiungere il quorum. Il segretario Susanna Camusso dichiara: “Una soluzione che risponda al quesito referendario è sicuramente positiva ma vedo molta confusione nelle cose che vengono dette. Ci riserviamo un giudizio quando si capirà effettivamente qual è la proposta”.

TEMPI DI FORMALIZZAZIONE
Il piano del governo sarà formalizzato il 9 marzo, quando i sindacati vedranno Poletti, che ieri ha presentato il rapporto degli ispettori del ministero, con irregolarità trovate nel 63% delle aziende. Ma la trattativa è già partita. Ieri il presidente del consiglio Paolo Gentiloni ha incontrato Maurizio Landini, segretario della Fiom, i metalmeccanici della Cgil. Hanno discusso ‘anche’ di voucher e referendum. 
Landini ha espresso grande favore nei confronti delle modifiche annunciate dal governo, molto più ‘avanzate’ rispetto agli interventi chirurgici di cui si era parlato nei giorni scorsi. 
Tuttavia rimane il nodo degli artigiani, con il governo che vorrebbe mantenere i voucher e il sindacato che li vorrebbe eliminare anche da lì, magari con una forma di flessibilità diversa e sperimentale. Ma è una distanza minima rispetto al solco profondo che divideva le parti fino a pochi giorni fa. La decisione finale spetta al segretario Camusso, che forse potrebbe anche insistere per un voto sul quale ha mobilitato tutto il ‘suo’ (Fiom) sindacato.

#Voucher #Poletti #Referendum
autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...