"Agenti penitenziari italiani mi uccideranno": Battisti ha paura dell'estradizione

24 ottobre 2017 ore 9:50, intelligo
Oggi udienza sul caso Battisti (dopo il tentativo di fuga in Bolivia da lui più volte smentito come tale) alla Corte suprema di Brasilia, che deciderà sull'estradizione dell'ex terrorista rosso. L'Alta Corte dovrà esaminare l'habeas corpus richiesto dalla difesa. "Gli agenti penitenziari italiani mi uccideranno", ha intento urlato lui non nascondendo che la decisione di riportarlo in Italia gli fa paura. Una settimana fa, era stato il giudice dell'Alta Corte Luiz Fux, a concedere all'ex terrorista una misura cautelare. Ma la misura era valida fino al dibattito di oggi della Corte appunto sull'habeas corpus (un istituto giuridico invocato dai legali di Battisti dopo l'arresto dell'ex terrorista a Corumba).
A tutela di Battisti, il ministro della giustizia Torquato Jardim aveva promesso che "nulla" sarebbe stato fatto "prima della decisione dell'Alta Corte".
'Agenti penitenziari italiani mi uccideranno': Battisti ha paura dell'estradizione

IN CASO DI ESTRADIZIONE
Nel caso di via libera all'estradizione subito dopo la sentenza della Corte, ci vorrà ancora del tempo per esaminare "in quali termini è stata presa la decision" ha detto Jardim. Insomma bisognerà sapere 'quanto' sarà stata "positiva" ossia favorevole all'estradizione. E ancora ha fatto differenza tra una sentenza 'positiva negativa e 'negativa positiva". 

ORLANDO
Il ministro della Giustizia Andrea Orlando aveva risposto, a margine della riunione in Lussemburgo, alla domanda se fossero  stati fatti tutti i passi necessari per l' estradizione di Cesare Battisti, con una risposta positiva: "Questo non è il momento di commentare ma di lavorare con grande determinazione".
"Adesso dobbiamo solo esprimere rispetto per le decisioni del presidente brasiliano e per le sue valutazioni che attendiamo con grande fiducia", aveva aggiunto il ministro degli Esteri Angelino Alfano. "Noi abbiamo fatto un grande lavoro - ha aggiunto - meno proclami si fanno in questo momento più probabilità ci sono di arrivare all'obiettivo". 

Nel frattempo Marcello Dell'Utri non ha diritto alla liberazione anticipata per la gravità del reato commesso, ha sentenziato la Cassazione, e anche questa notizia non arriva senza polemiche. 

#battisti #estradizione


autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...