Pisapia, la Boschi e l’abbraccio della discordia: salta incontro con Mdp

25 luglio 2017 ore 14:45, Giuseppe Tetto
Pisapia, la Boschi e l’abbraccio della discordia. È bastato un gesto amichevole del leader di Campo progressista alla festa dell’Unità verso il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri per far andare su tutte le furie i componenti di Mdp.  

TENSIONE 
Un gesto che rappresenta un'instabilità nei rapporti fra i due soggetti a sinistra del Pd, che va avanti da tempo. Dal primo luglio, nel giorno della piazza unita, si sono susseguiti una serie di moniti, richiami, diktat, avvertimenti, che hanno frizionato la nascita del nuovo soggetto. In particolare, ad Articolo Uno non vanno proprio giù le continue ambiguità e talvolta ammiccamenti (vedi da ultimo l’abbraccio alla Boschi) dell’ex sindaco di Milano verso quel Pd traditore, che li ha costretti ad abbandonare la propria casa.

SALTA INCONTRO
Pisapia, la Boschi e l’abbraccio della discordia: salta incontro con Mdp
Insinuazioni che hanno infastidito parecchio Pisapia, tanto che ha mandato a gambe per aria l’incontro con il coordinatore di Mdp Roberto Speranza, previsto per oggi.
Indiscrezioni voglio che leader di Campo Progressista abbia preso tale decisione invaso da un’ira fredda e lucida, segnale evidente che il percorso della nuova formazione di centrosinistra in incubazione si è fatto molto difficile. 

PISAPIA
"Campo Progressista è nato per dar vita, - ha detto Pisapia in una nota - insieme con altri, ad un nuovo soggetto politico di centrosinistra, alternativo al Pd e antagonista ai populismi e le destre, autonomo e indipendente, in netta discontinuità con il passato, aperto e inclusivo. Non c'è spazio per una politica costruita con la testa rivolta all'indietro”. E poi chiosa: “L'obiettivo deve essere invece guardare al futuro dando risposte concrete ai problemi quotidiani del Paese. Queste condizioni positive, che allo stato non sono pienamente realizzate. Per questi motivi abbiamo ritenuto utile rinviare l'incontro con gli esponenti di Mdp previsto per oggi".

SPERANZA
Immediata la risposta di Articolo Uno che parla attraverso il proprio coordinatore, Roberto Speranza: "Non mi preoccupano le schermaglie e le polemiche lontane dalla vita delle persone. L'obiettivo di Articolo Uno è costruire un nuovo centrosinistra largo e di governo che metta al centro il lavoro e l'equità sociale, in discontinuità netta con le politiche sbagliate degli ultimi anni. Noi andiamo convintamente avanti su questa strada".

Che i rapporti siano tesi è evidente già da qualche tempo. A queste critiche si sono aggiunte poi posizioni politiche molte spesso non troppo in sintonia come i rapporti con l’esecutivo Gentiloni e persino incomprensioni su chi inserire nella cabina di regina del (ormai improbabile) nuovo soggetto politico alla sinistra del Pd.

Intanto una cosa è certa: se fra i due contendenti si litiga, il terzo, Renzi, gongola. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...