Distribuzione migranti, cosa dice la piena intesa tra Italia, Francia e Germania

03 luglio 2017 ore 11:15, Andrea Barcariol
Dopo aver sbattutto i pugni in Europa, l'Italia incassa la "piena intesa" di Francia e Germania sulla questione migranti. Al prevertice di Parigi è stato preparato un documento, che l'Italia presenterà giovedì in Estonia all'incontro dei ministri degli Interni di tutti e 28 i paesi Ue, condiviso da Francia e Germania che vede tra i punti qualificanti la regolamentazione delle azioni e dei finanziamenti delle Ong e più fondi per consentire alla Libia il controllo delle coste.

Distribuzione migranti, cosa dice la piena intesa tra Italia, Francia e Germania
Gentiloni, la scorsa settimana, aveva chiesto all'Europa aiuti concreti: "Siamo di fronte a numeri crescenti che alla lunga potrebbero mettere a dura prova il nostro sistema di accoglienza. Abbiamo internazionalizzato le operazioni di salvataggio ma l'accoglienza resta di un Paese solo. Questo mette il nostro Paese sotto pressione ma noi abbiamo un aspetto umanitario, di rispetto delle leggi e lo confermeremo. Non violiamo le regole o vogliamo rinunciare a un atteggiamento umanitario: siamo sotto pressione e chiediamo il contributo concreto degli europei".
Uno degli obiettivi principali, messo nero su bianco, è quello di ridurre gli sbarchi. Per questo si vorrebbe limitare la libertà di movimento delle Ong vietando l'ingresso nelle acque libiche.
Delegazione italiana ha affermato che il summit "le discussioni sono andate molto bene e le proposte italiane sono state esaminate".
Una fonte francese ha ricordato che l'obiettivo dell'incontro era "trovare una risposta coordinata e concertata al flusso di migranti che seguono la rotta del Mediterraneo centrale e per vedere come aiutare gli italiani".
Sui porti di destinazione, più complessa appare la possibilità di coinvolgere altri soggetti, come Malta, ipotesi a cui pure si era pensato. L'altro punto  chiave riguarda la distribuzione dei migranti, l'Italia chiede all'Europa impegni certi e alcune modifiche, ma secondo il ministro Minniti: "La partita fondamentale si gioca in Libia, Paese di transito da cui è arrivato nei primi cinque mesi di quest'anno il 97% dei migranti". Secondo il Viminale: in 6 mesi sono sbarcati 83.360 migranti, 18,7% in più rispetto allo scorso anno.

#migranti #italia #vertice
caricamento in corso...
caricamento in corso...