Strappo del Veneto, moratoria su vaccini: Zaia fa infuriare la Lorenzin

05 settembre 2017 ore 12:00, Andrea Barcariol
La polemica infinita sulle vaccinazioni obbligatorie introdotte dal decreto Lorenzin continua. Ad aprire un nuovo fronte è la regione Veneto che ha approvato un provvedimento che dà alle famiglie più tempo (fino all'anno scolastico 2019-2020) per mettersi in regola con la normativa voluta dal ministero della Salute. Una moratoria che la regione guidata da Luca Zaia ha introdotto definendo il decreto «pieno di incongruenze. La regione è favorevole ai vaccini ma non su base obbligatoria. Il modello coercitivo senza spiegazioni non crea profilassi vaccinale. C'è un confronto in corso con i nostri uffici, pensiamo che ci siano dei varchi che ci permettano di essere meno coercitivi».

Strappo del Veneto, moratoria su vaccini: Zaia fa infuriare la Lorenzin
Il direttore generale della Sanità del Veneto, Domenico Mantoan, ha firmato un decreto regionale che prevede una sorta di moratoria fino all’anno scolastico 2019-2020 per la presentazione dei documenti che dimostrano di avere vaccinato i propri figli (o la volontà di vaccinarli in breve tempo), necessari per consentire il loro accesso agli asili e alla scuola. Il decreto parte dal presupposto che le regioni hanno molta autonomia per la decisione delle politiche sanitarie e che la legge Lorenzin ha alcune ambiguità, per esempio dove si dice che “la mancata presentazione della documentazione comporta la decadenza dell’iscrizione”, ma con riferimento all’anno scolastico 2019.

Dura la replica del ministro della Salute Beatrice Lorenzin: "Ci riserviamo tutte le azioni di nostra competenza, il decreto del Veneto non è sostenibile. Se derogano di 2 anni, si assumono la responsabilità di eventuali epidemie. L'epidemia di morbillo non è finita. Nel 2017 sono stati oltre 4.300 i casi, non c'è altro da aggiungere per spiegare la gravità della situazione", spiega la Lorenzin in un'intervista a Il Corriere della Sera. "Siamo molto tranquilli e sereni sulla correttezza di un provvedimento a difesa della tutela della salute, principio previsto dall'articolo 32 della Costituzione. Sono misure necessarie per difendere la collettività. Fino al 1999 l'obbligo è stato molto più stringente eppure la legge di allora non è mai stata messa in dubbio per decenni", aggiunge.
Sulla stessa linea il ministro dell'Istruzione, Valeria Fedeli: "Senza certificato non si potrà frequentare. Il Veneto si assume responsabilità improprie di non applicare una legge".


#vaccinazioni #veneto #scuola









caricamento in corso...
caricamento in corso...