Il debutto tv di Casaleggio jr cancella i contrasti fra Gianroberto e Grillo

07 aprile 2017 ore 11:08, Americo Mascarucci
"Il capo politico è Grillo, io supporto solo le attività del Movimento, il meet up fino a Rousseau e continuo a farlo, gratuitamente, perché è un buon progetto; il mio obiettivo è continuare ad aiutare il M5S per tutto quanto riguarda il voto online". Parole e musica di Davide Casaleggio che ieri sera è stato ospite ad Otto e Mezzo il programma di Lilli Gruber in onda su LA7. L’occasione è stato l’evento in programma domani ad Ivrea in memoria di Gianroberto Casaleggio il fondatore del M5S insieme a Grillo. 
Il debutto tv di Casaleggio jr cancella i contrasti fra Gianroberto e Grillo
Nonostante  i giornali abbiano parlato di una rottura fra Gianroberto e l’ex comico negli ultimi mesi di vita del fondatore della Casaleggio Associati, il figlio non ha dubbi su chi debba essere il leader del Movimento. Grillo, soltanto Grillo e nessun altro, nemmeno lui che tanti hanno identificato come l'anti-Grillo, il simbolo di una nuova classe dirigente che dovrebbe superare il leaderismo dell'ex comico.
Casaleggio junior sembra sviare le domande più imbarazzanti, e si mostra grillino a 360 gradi al punto da difenderlo a spada tratta su tutte le scelte fin qui operate. Compreso il caso di Genova, con Grillo finito in tribunale dopo essere stato denunciato dalla vincitrice delle comunarie online Cassimatis per essersi vista esclusa con un diktat sul blog dell’ex comico che ha invalidato la sua elezione. Per Casaleggio Grillo ha esercitato le sue prerogative di garante del M5S. 

L’ex Premier Matteo Renzi lo ha "incoronato" leader dei grillini e ha lasciato intendere che con lui sarebbe anche pronto a sedersi ad un tavolo e discutere. Peccato però che Casaleggio abbia già respinto l’invito al mittente.
"Renzi ha perso un referendum su cui ha scommesso la sua vita; il 60% degli italiani ha detto no e lui è rimasto, quindi mi sembra poco credibile e a me piace parlare con persone credibili".
Eppure pare sarà lui d'ora in avanti il volto che i 5stelle spenderanno in Tv con l'obiettivo di "fare marketing", ossia attrarre sempre più elettori verso le idee e le proposte del Movimento. Che Casaleggio traduce in due punti focali: la ricerca essenziale per favorire sviluppo e il reddito di cittadinanza, idea bocciata dalla stragrande maggioranza degli economisti ma che resta l'obiettivo forse primario dei pentasellati.
"Perché - spiega Casaleggio -  in politica non serve solo la tattica, bisogna avere anche qualche sogno e comunque non sono qui per sostituire mio padre". 

#casaleggio #ottoemezzo #grillo

caricamento in corso...
caricamento in corso...