PIZZINI DAL PALAZZO: Il Pd e il Lauricellum, la strana coppia Salvini e Fitto

11 gennaio 2017 ore 9:34, intelligo
IL PD SEMPRE PIU' TENTATO DAL LAURICELLUM - Il pressing dello  stato maggiore del Partito democratico, con Matteo Orfini e Lorenzo Guerini, continua, ma anche nei circoli renziani si sta prendendo atto che
PIZZINI DAL PALAZZO: Il Pd e il Lauricellum, la strana coppia Salvini e Fitto
riuscire a entrare nel vivo di una trattativa con le altre forze politiche prima del pronunciamento della Consulta è pura utopia. Per questa ragione il segretario del Pd incontrerà al più presto i suoi per fare il punto della situazione e pianificare quanto andrà fatto nei giorni a seguire. A questo scopo, tornerà utile anche il giro di ascolto nel Paese che l’ex presidente del Consiglio intraprenderà a partire dalla metà del mese, un'occasione per riconquistare i riflettori e rivendicare la sua leadership di fronte alle truppe parlamentari. Sotto traccia, però, qualcosa si muove. Si parla di una possibile mediazione tra Pd e Forza Italia sul sistema "greco", ovvero un proporzionale con un premio molto limitato. Oppure del varo del Lauricellum (da Giuseppe Lauricella, deputato Pd), ovvero una proposta che prevederebbe un premio soltanto nel caso in cui una lista arrivi sopra il 40% sia alla Camera che al Senato. Se questo non avviene si trasforma in un proporzionale puro . Il Lauricellum mantiene anche il premio alle liste e non alla coalizione, i capilista bloccati e le candidature multiple che però scendono da 10 a 3. Insomma l'impianto dell'Italicum sarebbe parzialmente mantenuto.Le soglie sarebbero del 3% su base nazionale alla Camera e del 4% su base regionale al Senato. Il computo per definire se si è raggiunto il 40% al Senato avverrebbe su base nazionale, sempre per favorire un meccanismo equilibrato di rappresentanza. Una soluzione che anche dentro Forza Italia qualcuno si azzarda a definire "l'uovo di Colombo".

SALVINI, FITTO E L'IPOTESI DI UNA LISTA UNICA - La convergenza politica tra la Lega di Matteo Salvini e i Conservatori e Riformisti di Raffaele Fitto appare sempre più come un dato di fatto. La tentazione di un ritorno al Mattarellum è stata sposata da entrambi i leader. E l'ex ministro e governatore pugliese è da tempo entrato in rotta di collisione con Forza Italia. <Se si sceglie il proporzionale, non c'è più coalizione di centrodestra, non ci sono primarie, non c'è alternativa chiara al Pd, e in prospettiva c'è solo il Governo con il Pd. Il proporzionale è la legge per il 'Nazareno forever", dice Fitto. Ma cosa accadrebbe qualora davvero dovesse riuscire il blitz a favore di un ritorno al maggioritario? Secondo rumours di palazzo Salvini e Fitto potrebbero celebrare un matrimonio di reciproco interesse e mettere in campo una lista unica che in questo modo avrebbe maggiori possibilità di ottenere collegi non solo in Puglia, ma anche in altre regioni meridionali dove i fittiani mantengono ottimi bacini di voti. 
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...