Che fine ha fatto Serena Autieri?

12 gennaio 2017 ore 13:24, intelligo
di Anna Paratore

«Non ho mai smesso di studiare e spero che questo si veda, perché un attore non deve mai abbandonare la scommessa di fare sempre meglio a ogni nuova scena». S.A.
Questa è una storia per certi versi strana perché a volte ci capitano persone di spettacolo che hanno grandissimo successo senza essere poi questi straordinari talenti. Ecco, per quello che riguarda la signora di cui parliamo oggi, vale esattamente il contrario: talento poliedrico, attrice, cantante, intrattenitrice, presentatrice, ballerina se serve, e proprio brava in tutto. Decisamente sottovalutata dal pubblico, sebbene non si possa dire che non abbia successo. Ne ha, ma ne meriterebbe tanto, tanto di più…
Serena Autieri nasce a Napoli nel 1976. E’ una ragazzina bionda, esile, una spruzzata di efelidi sul nasino delicato e grandi occhi grigio verdi, cangianti col mutare dell’umore che, quando crescerà,  sapranno essere pozzi d’amore o lame d’acciaio.  Nella sua vita l’arte è un richiamo immediato. Fin da bambina studia danza, recitazione, canto, e quando abbraccia un corso di studi superiori sceglie prima la scuola di Belle Arti e poi la facoltà di architettura alla Federico II di Napoli. Nel frattempo, ha solo 19 anni quando incide il suo primo disco, Anima Soul. Di lì a poco, ecco la svolta che segnerà il vero inizio della sua carriera: viene scelta come interprete fissa di Un posto al sole, la celeberrima soap di Rai3, dove interpreta la cantante Sara De Vito. E’ il 1998.
Che fine ha fatto Serena Autieri?
Da quel momento c’è da chiedersi come faccia Serena a costruire un curriculum tanto denso di eventi. Nel 2001, ad esempio, affianca Alberto Castagna nel programma di grande successo Stranamore, e sempre quell’anno recita nella fiction di Raidue "Vento di Ponente". Nel 2003, torna a una conduzione, e insieme a Claudia Gerini è sul palco dell’Ariston a presentare Sanremo con Pippo Baudo, prova superata egregiamente.   Lo stesso anno è anche protagonista insieme a Bianca Guaccero di una miserie RAI, Tutti i sogni del mondo, per la regia di Paolo Poeti. Nella miniserie, Serena interpreta una giovane cantante, e mette così in mostra una bellissima voce, tanto che la produzione le affiderà anche la sigla di chiusura della fiction.  Questo suo molteplice talento la porta ad essere scelta per la commedia musicale “Vacanze Romane”- tratta dall’omonimo film che lanciò la deliziosa Audrey Hepburn - per la regia di Pietro Garinei, accanto a un Massimo Ghini chiamato a cimentarsi con la parte che nel film fu di Gregory Peck.  Il successo è tale che nel 2004, anno d’esordio del musical, Serena Autieri viene scelta per rappresentare l'Italia al Columbus Day di New York dove canta al Manhattan Center in un concerto dal vivo. E, nello stesso anno, arriva anche l’esordio cinematografico in Sara May, una commedia con venature drammatiche, ambientata tra la Sicilia e la Roma del secondo dopoguerra, per la regia di Marianna Sciveres. 
Ormai conosciuta e apprezzata dal pubblico italiano – anche se come già detto non abbastanza rispetto alle sue capacità – l’Autieri interpreta fiction importanti, come La maledizione dei Templari", diretto da Josée Dayana, e "Callas e Onassis", diretto da Giorgio Capitani. Nel 2006 recita ne "L'onore e il rispetto" su Canale 5, per la regia di Salvatore Samperi. La fiction si rivela forse il successo televisivo di quell’anno e lancia nel panorama delle stelle della televisione italiana il bel Gabriel Garko con cui Serena ha una breve ma intensa storia d’amore. I giornali di gossip impazziscono per la coppia, e titolano “passione sul set”, ma tutto finisce in breve tempo anche se, qualche anno dopo,in occasione del lancio de “L’onore e il rispetto 3”,  parlando di sé, Garko dirà: “A volte è capitato che sul set mi scaldassi un po' più del dovuto ma non confesserò mai con chi…”, frase sibillina che molti intesero diretta proprio alla bella Serena. 
Nel 2007, Serena torna sul grande schermo con Notte prima degli esami - Oggi, di Fausto Brizzi mentre l'anno successivo è diretta da Maurizio Nichetti nel film per la tv Dr. Clown, su Canale 5. Poi è la volta di una soap opera di Raitre, Agrodolce, dove però si offre solo come guest star. Nel 2009, invece, recita nella commedia "L'ultimo crodino", insieme con Enzo Iacchetti e Ricky Tognazzi, e torna sul set de "L'onore e il rispetto", giunto alla seconda stagione; lo stesso anno viene anche diretta da Gabriele Lavia in Liolà. Una carriera eccezionale, degna però anche di una stakanovista che, tra l’altro, nel 2010 aggiunge un’altra performance in teatro quando recita con Giorgio Albertazzi in “Shakespeare in Jazz”, al Sistina di Roma.  In tutto questo sembra impossibile che Serena trovi tempo anche per la vita privata, eppure ecco che a sorpresa, proprio nel 2010, sposa nella splendida cornice di Spoleto il manager Enrico Griselli che lì è nato anche se lavora d a Dubai dove dirige il settore investimenti di un’importante banca. 
Il matrimonio è riuscitissimo e procede a gonfie vele, pensare però che possa contenere la carriera di Serena sarebbe sbagliato, infatti anche da donna sposata lei continua ad avere una “tabella di lavoro” impressionante. Al cinema compare in Natale in Sudafrica, regia di Neri Parenti (2010); Femmine contro maschi, regia di Fausto Brizzi (2011);  Il rosso e il blu, regia di Giuseppe Piccioni (2012) ;  Il principe abusivo, regia di Alessandro Siani (2013);  Niente può fermarci, regia di Luigi Cecinelli (2013);  Un fantastico via vai, regia di Leonardo Pieraccioni (2013);  Sapore di te, regia di Carlo Vanzina (2014);  Ambo, regia di Pierluigi Di Lallo (2014); Si accettano miracoli, regia di Alessandro Siani (2015) , fino al recentissimo  Se mi lasci non vale, regia di Vincenzo Salemme (2016).  In TV la vediamo in Dottor Clown, regia di Maurizio Nichetti - Film TV - Canale 5 (2008); Nel bianco (Eisfieber), regia di Peter Keglevic - Prima TV in Germania (2009) - Miniserie TV - Canale 5 (2010);  Fratelli detective, regia di Rossella Izzo - Miniserie TV - Canale 5 (2011) ; Dov'è mia figlia?, regia di Monica Vullo - Miniserie TV - Canale 5 (2011), oltre a famose trasmissioni televisive come Tale e Quale Show, in cui è presente sia nel 2012 che nel 2013.  E se ancora non fosse abbastanza c’è il teatro, con Rinaldo in campo, regia di Massimo Romeo Piparo (2011); La sciantosa, regia di Gino Landi (2013-2014) e il già citato Vacanze Romane (2015-2016) che l’Autieri riporta in scena stavolta con la  regia di Luigi Russo.  
E se poi vi diciamo che in tutto questo Serena diventa anche mamma di una splendida bimba, Giulia Tosca nata dal suo matrimonio nel 2013?  Una donna davvero con una marcia in più, che è capace di conciliare lavoro, amore e maternità. Come ci riesce? Beh, riguardo all’amore, un piccolo segreto l’ha rivelato a VF: “Mai scordarsi di alimentare la fiamma. La passione è fondamentale, tiene in piedi la coppia, è un bel collante. Non va data per scontata: bisogna lavorarci, ritagliarsi spazi e momenti”.  Prendete spunto, ragazze…


autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...