Catalogna proclama indipendenza e il Senato di Madrid sblocca il 155

27 ottobre 2017 ore 17:10, Americo Mascarucci
Il parlamento catalano ha approvato la risoluzione che dichiara l'indipendenza unilaterale dalla Spagna e la costituzione della Repubblica catalana: al voto, avvenuto a scrutinio segreto, hanno partecipato soltanto i partiti indipendentisti, mentre popolari, socialisti e Ciudadanos hanno abbandonato l'aula prima dell'inizio. La votazione si è conclusa con 70 voti favorevoli, 10  contrari e due schede bianche. Una scelta che il primo ministro spagnolo, Mariano Rajoy, ha definito "un atto criminale".
Puigdemont quindi ha inteso bruciare le tappe anticipando le mosse del Senato e del Governo. Gli indipendentisti sono scesi in piazza inneggiando alla secessione e alla proclamazione della Repubblica e adesso la rottura è davvero definitiva. Quello che potrà succedere d'ora in poi è tutto da scrivere. C'è chi arriva a parlare addirittura di rischio di guerra civile come se la Spagna non ne avesse già conosciuta una molto sanguonosa. E tutto ciò grazie all'irresponsabilità di Puigdemont che ha forzato la costituzione, la legge e ora rischia di scatenare un conflitto dalle conseguenze imprevedibili.
Catalogna proclama indipendenza e il Senato di Madrid sblocca il 155

LA RISPOSTA DI MADRID
Il Senato spagnolo ha subito risposto con il via libera all’applicazione dell’articolo 155 della Costituzione sospendendo l'autonomia catalaba e commissariando il parlamento ribelle. L'articolo 155 è stato approvato con  262 voti, 214 favorevoli, 47 contrari e un’astensione. Il governo spagnolo ricorrerà dinanzi alla Corte Costituzionale contro il voto del Parlamento catalano sull’indipendenza annunciando la convocazionedi elezioni anticipate  elezioni in Catalogna entro sei mesi,. Alle 18 si riunirà il Consiglio dei ministri spagnolo che dovrebbe procedere al commissariamento della regione.

#catalogna #indipendenza #puigdemont


caricamento in corso...
caricamento in corso...