Actionaid Italia: 4 vignette per raccontare la povertà nel mondo

09 maggio 2016 ore 11:51, intelligo
Cibo, acqua, scuola, salute: i pilastri della società civile sono, in alcuni casi, danneggiati da guerre, carestie, contesti culturali degradati e la loro instabilità mette in pericolo il futuro di molte comunità in tutto il mondo.

Actionaid Italia: 4 vignette per raccontare la povertà nel mondo
Come raccontare la povertà nel mondo? I modi sono tanti, più o meno forti: reportage, campagne provocatorie, coinvolgimento di testimonial celebri. Tutto è utile affinché la presa di coscienza sia diretta e d’impatto, così Actionaid Italia ha pensato di utilizzare lo strumento del fumetto per dare forma visiva alle principali problematiche che affliggono ancora oggi molti bambini del Sud del mondo. 

Con il contributo del vignettista romano Daniele Bonomo, in arte Gud, sono state realizzate quattro vignette che hanno come protagonista Bizunesh, un personaggio di fantasia, le cui esperienze sono però oltremodo reali. 

Actionaid Italia: 4 vignette per raccontare la povertà nel mondo
Nelle vignette Bizunesh affronta la difficoltà di non poter andare a scuola, di non poter avere un pasto assicurato ogni giorno, di rischiare la morte per una malattia banale come il morbillo e di non avere accesso ad acqua potabile e servizi igienici. 

Si pensi infatti che nel mondo quasi un milione di persone non ha ancora accesso a fonti di acqua sicure ed è costretta a procurarsi acqua da ruscelli, stagni o fiumi. Il problema è particolarmente sviluppato nell’Africa subsahariana dove il 36% delle persone non ha accesso all’acqua potabile. Spesso accade che siano proprio i bambini a dover procurare l’acqua e molti di loro devono percorrere diversi kilometri al giorno per poter accedere a una fonte di acqua potabile. Questo, in molti casi, impedisce loro di frequentare la scuola. 

Actionaid Italia: 4 vignette per raccontare la povertà nel mondo
In particolare sono proprio le bambine ad essere maggiormente escluse dall’istruzione. Questo perché le famiglie che hanno più figli, preferiscono mandare a scuola i figli maschi. Le femmine, per non gravare troppo a lungo sul bilancio familiare, vengono costrette a matrimoni precoci con persone molto più grandi di loro. Si pensi che ogni giorno 20.000 ragazze sotto i 18 anni diventano madri nei Paesi dei sud del mondo. 


Anche l’accesso alle cure mediche e al cibo è spesso molto limitato. Nel mondo ci sono ancora 795 milioni di persone che soffrono la fame, la maggior parte delle quali si trova in Asia e in Africa. La malnutrizione è anche una delle aggravanti che rende molte malattie, per noi assolutamente banali come il morbillo, mortali. Per porre rimedio all’alto tasso di mortalità infantile basterebbe incentivare la distribuzione di un vaccino che costa appena due dollari. 

Actionaid Italia: 4 vignette per raccontare la povertà nel mondo
Attraverso le azioni di adozione a distanza, Actionaid contribuisce alla costruzione di pozzi, scuole, e alla distribuzione di risorse essenziali come cibo e medicinali per molti bambini e le loro comunità. Partire da un disegno per realizzare un futuro migliore è possibile. Con il contributo di tutti.


autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...