Video gaffe di Nardella su Allah Akbar: tutti contro lo scherzo

23 agosto 2017 ore 11:41, Micaela Del Monte
“Se – dice dal palco di Meeting di CL di Rimini il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro uno si mette a correre in piazza San Marco urlando Allah Akbar noi lo abbattiamo. Un anno fa dicevo dopo quattro passi, adesso dopo tre. Lo dico in veneto: ghe sparem”. E quando scende dal palco il sindaco di Firenze, Dario Nardella, subito scherza urlando “Allah Akbar”. Il tutto però è avvenuto a pochi giorni dall’attentato di Barcellona. E le battute sono subito apparse fuori luogo. La “battuta” di Nardella è stata diffusa con un video sui social provocando molte critiche, tanto che il sindaco di Firenze ha ritenuto di chiedere scusa pubblicamente. "Mi scuso per alcune espressioni riprese in un video pubblicato online - ha scritto Nardella sulla sua bacheca Facebook -. Non era mia intenzione offendere alcuna persona, né tanto meno la comunità musulmana né scherzare sulla sua religione, né evocare i tragici fatti di questi giorni". Nel post Nardella coglie spunto per stigmatizzare con maggior forza le affermazioni di Brugnaro al meeting: "Durante quel video prendevo le distanze dalle dichiarazione del collega Brugnaro sui musulmani rilasciate durante il suo intervento ad un incontro al meeting di Rimini. Chi mi conosce e conosce la mia amministrazione sa il modo con cui dialoghiamo con tutte le comunità religiose, inclusa quella musulmana moderata, come testimonia anche il Patto di cittadinanza che per primi abbiamo siglato in Italia".

A commentare le parole di Nardella pronunciate a Rimini c'è stato Tommaso Grassi, esponente di Si e capogruppo di Firenze riparte a sinistra: "Cosa c'è di peggio che andare al meeting di Rimini di Comunione e Liberazione? Scherzare sul terrorismo. Nardella grida 'Allahu Akbar' come saluto al sindaco razzista e anti-gender di Venezia e accompagna il tutto con parole farneticanti su imam e attentati. Farlo è così grave, non dire una parola neppure quando vieni ripreso in video rende tutto più incredibile. Chiedere scusa e' il minimo per chi amministra Firenze". 

Anche Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d'Italia ha voluto commentare: "A tre giorni dall'ennesima strage di innocenti in Europa, per mano degli integralisti islamici, il sindaco di Firenze Dario Nardella non trova meglio da fare che scherzare con un suo collega gridandogli 'Allah Akbar', Allah è grande, la frase pronunciata di solito dai terroristi prima di uccidere. Poi ride felice. E tu lo guardi e pensi: ma cosa ti ridi, imbecille? Noi hai un minimo di rispetto per le famiglie delle vittime, italiane e non, che stanno ancora piangendo i loro cari?".
caricamento in corso...
caricamento in corso...