Snack killer alla marijuana nel frigobar, grave addetto alle pulizie

01 settembre 2017 ore 10:35, Americo Mascarucci
Mangia delle barrette credendole innocue e finisce in condizioni critiche all'ospedale. E' accaduto a Milano. Protagonista della vicenda il lavoratore bengalese di un Bed&Breakfast. L'uomo stata sistemando la stanza lasciata libera da due turisti quando aperto il frigobar della camera ha trovato due barrette. Credendo si trattasse di berrette energetiche e forse affamato le ha aprte e mangiate. Poco dopo però è svenuto sotto l'occhio di un altro addetto alle pulizie che ha subito dato l'allarme. Sul posto è agiunta un'ambulanza del 118. Preso atto della gravità della situazione l'uomo, un 26enne di origini bengalese è stato trasferito con urgenza al Fatebenefratelli dove sul principio i saniari hanno sospettato potesse trattarsi di un intossicazione alimentare provocata da prodotti scaduti. Invece le analisi hanno rivelato un'altra verità.
Snack killer alla marijuana nel frigobar, grave addetto alle pulizie

LE CAUSE
Le barrette contenevano Thc, il principio attivo della marijuana, e sono prodotte da un'azienda straniera che da tempo ha introdotto sul mercato gli snack al cioccolato con l'aggiunta della sostanza. Come riporta la confezione, contengono come minimo 130 mg di Thc. Ora il bengalese è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale ma pare non sia più in pericolo di vita. Probabilmente le barrette appartenevano ai turisti che hanno occupato la stanza che le avevano messe in frigo per mantenerle e poi se ne sono andati senza consumarle, e peggio, dimenticandole nella stanza. Ma naturalmente si tratta di ipotesi tutte da accertare. Fatto sta che forse l'uomo avrebbe dovuto prestare maggiore attenzione al prodotto, leggendo di cosa era composto. 

IL THC
Noto anche come tetraidrocannabinolo, è il prodotto chimico che causa gli effetti psicologici della marijuana. Il THC può modificare il comportamento di una persona collegandosi ai recettori delle cellule nervose e andando così ad alterarne l’attività. I recettori di cannabinoidi sono concentrati in alcune regioni del cervello collegate alla memoria, alla coordinazione, al pensiero, alla percezione del tempo ed al piacere. Anche i nervi presenti nelle altre regioni del nostro corpo sono provvisti di recettori di cannabinoidi.

#TCH #barrete #addettopulizie

caricamento in corso...
caricamento in corso...