Il computer quantistico di Google è 100 milioni di volte più veloce

10 gennaio 2016 ore 10:48, Adriano Scianca
Il computer quantistico di Google è 100 milioni di volte più veloce
Credete che il vostro computer di ultima generazione sia veloce? Forse non conoscete D-Wave. E del resto non potete conoscerlo, dato che costa circa 10 milioni di dollari. Un esemplare è di proprietà di Google ed è ospitato allo Ames Research Center, di proprietà della Nasa. A differenza dei nostri pc o smartphone basati sull'elettronica e sui semiconduttori, D-Wave è un computer quantistico. I normali pc si sono evoluti di pari passo con la miniaturizzazione dei circuiti elettronici, un fenomeno codificato empiricamente nella Legge di Moore: la densità dei transistor su un microchip e la relativa velocità di calcolo raddoppiavano ogni 18 mesi circa. Giunti alle soglie del mondo microscopico, tuttavia, tale processo si deve necessariamente arrestare. A meno che non si sfruttino le dinamiche della fisica quantistica. Che è esattamente quello che fa un computer quantistico, che riesce in questo modo a essere molto, molto più veloce e preciso di un normale calcolatore elettronico. Google ha acquistato D-Wave nel 2013 e la sua versione aggiornata, D-Wave 2X, qualche mese fa. Ora, in due articoli pubblicati sul Google Research Blog e su ArXiv (l'archivio online per bozze definitive, "pre-prints", di articoli scientifici in fisica, matematica, informatica, finanza quantitativa e biologia), ha annunciato che il proprio computer quantistico avrebbe risolto un problema matematico "100 milioni di volte più velocemente rispetto a quanto farebbe un computer 'tradizionale'". Già, ma a cosa serve un computer quantistico? Per esempio può "romperne la chiave" di un sistema di criptazione in tempi nettamente inferiori rispetto ai computer tradizionali. Insomma, le prospettive sono infinite.
caricamento in corso...
caricamento in corso...