Dustin Hoffman, addio al cinema "che va a fondo". Meglio la tv

10 luglio 2015, Orietta Giorgio

Dustin Hoffman, addio al cinema 'che va a fondo'. Meglio la tv
Dichiarazione choc di uno degli attori più amati: “Il grande schermo sta vivendo il suo momento peggiore in assoluto, o almeno dei 50 anni di cui ne faccio parte. A Hollywood non è importante essere bravi, ma a fare soldi”

Così ha dichiarato Dustin Hoffman in una recente intervista all’Indipendend.

L’attore, premio Oscar come miglior attore nel film “Rain Man” e “Kramer contro Kramer” e indimenticabile protagonista de “Il laureato”,  critica aspramente la fabbrica di soldi legata al mondo cinematografico e la velocità con la quale si realizzano film, a discapito, ovviamente, della qualità del risultato finale. 

L’avvento dell’era digitale sarebbe un’altra delle cause del declino del grande schermo: "E' difficile credere che oggi si possa fare un buon lavoro con pochi soldi. Quando abbiamo fatto Il laureato aveva uno script meraviglioso per il quale sono occorsi tre anni di lavoro, un regista eccezionale alla guida di un cast e una crew altrettanto eccezionali" .

Il paragone tra cinema e televisione viene vinto senza dubbio da quest’ultima, il parere di Hoffman è chiaro: “Il cinema? Ha toccato il fondo. La televisione è al top, ha raggiunto una qualità narrativa e registica di altissimo livello”.

La Settima Arte è diventata, agli occhi di uno degli attori più famosi del mondo, puro business e, inevitabilmente, le critiche a queste dichiarazioni non tarderanno ad arrivare… e intanto la tv si gode la “rivincita”. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...