Grande G, grande evasione: cinque manager di Google indagati per un buco di 227 milioni di euro

12 febbraio 2016 ore 8:33, Micaela Del Monte
Una maxi evasione fiscale di circa 227 milioni di euro realizzata attraverso una "stabile organizzazione occulta in Italia" è stata scoperta dalla procura milanese che ha incriminato ben 5 manager di Google. Tra questi, due hanno rivestito in epoche diverse la carica di presidente di Google Italia. L'omessa dichiarazione dei redditi è stata commessa tra il 2009 e il 2013.

Lo scorso 28 gennaio la Guardia di Finanza ha chiuso, dopo circa due anni e mezzo, un'attività di verifica fiscale incentrata su Google Ireland Ltd, società del gruppo di Mountain View. Quello stesso giorno le Fiamme Gialle hanno trasmesso in Procura e all'agenzia delle Entrate un "processo verbale di costatazione" nel quale si contesta a Google una presunta evasione fiscale su un imponibile di circa 300 milioni di euro con imposte evase per circa 227-230 milioni.
Grande G, grande evasione: cinque manager di Google indagati per un buco di 227 milioni di euro
Dalle indagini in corso sarebbe, infatti, emerso che fino al 2016 avrebbe deviato gli utili dell'azienda sulla sede di Dublino, ottenendo una fiscalizzazione dimezzata rispetto a quanto dovuto in Italia. In realtà, dall'accertamento avviato su impulso del dipartimento contro i reati finanziari della procura milanese, Google Italia avrebbe molto più banalmente creato "una organizzazione occulta" per evadere le tasse. Due, in particolare, i rilievi che risultano negli atti dell'indagine: un'omessa dichiarazione Ires su redditi per circa 100 milioni di euro, con una presunta imposta evasa di 27 milioni di euro tra il 2009 e il 2013, e un'omessa applicazione e versamento di ritenute per gli stessi anni con una presunta evasione di 200 milioni.

A questo punto per il colosso di Mountain View si aprono due strade: da una parte la società dovrà affrontare un processo penale, dall'altra potrà decidere se accordarsi o aprire un contenzioso con l'Agenzia delle Entrate. E se il gruppo dovesse fare battaglia, rischia di vedersi recapitare un conto ben più salato.
caricamento in corso...
caricamento in corso...