Che fine ha fatto Taribo West? Dalle trecce alla tonaca

12 febbraio 2016 ore 15:02, intelligo
Se anche le sue doti di calciatore non erano poi così eccelse – in campo commetteva spesso falli al limite della denuncia penale, come quando con un’entrata a forbice sul russo Andrej Kamcelskis  in un’Inter-Fiorentina della stagione 1997-1998  rischiò di mettere fine alla carriera dell’altro giocatore che dovette curarsi a lungo prima di poter tornare a giocare una partita – sicuramente Taribo West non passava inosservato.
Fisico possente – 1,86 per 80 chilogrammi – Taribo è nato ad Ajegunle, in Nigeria, teoricamente il 26 marzo 1974.  “Teoricamente” vi starete ora chiedendo?  Ebbene, sì. Per anni infatti quella data di nascita è stata accettata come certa fino a quando, qualche tempo fa, l’ex presidente del Partizan di Belgrado che lo aveva avuto come giocatore, non rivelò che in realtà Taribo sarebbe nato nel 1962 , e avrebbe ben 12 anni più d quelli sempre dichiarati dal giocatore. Una pratica questa di calarsi gli anni che, dobbiamo dirlo, i  giocatori extracomunitari, spesso privi di documenti ufficiali, hanno usato già altre volte. Sia come sia, però, nel caso specifico Taribo ha negato.
Veniamo ora a questo giocatore che in campo inevitabilmente notavi subito anche per via di un vezzo tutto suo, che ]
Che fine ha fatto Taribo West? Dalle trecce alla tonaca
poi, forse, è quello che l’ha reso noto prima del resto: un ciuffo di treccine agganciate a mo’ di cespuglio e colorate con colori improbabili e sgargianti, spesso di richiamo a quelli della squadra di cui indossava la maglia, ma non necessariamente visto che il calciatore ha una predilezione per il verde nelle sue sfumature più tenere e brillanti. Quindi, se non lo avete mai visto su un campo di calcio, provatevi ad immaginare questo gigante nero alto quasi 2 metri con sulla testa un bel ciuffo di treccioline verde prato. 

Vi viene da ridere? Beh, agli avversari di Taribo, vederselo venire addosso, trecce verdi o meno, questo non succedeva quasi mai.
Dopo aver iniziato la sua carriera europea con i francesi dell'Auxerre, con cui è riuscito a vincere 2 Coppe Nazionali ed un campionato, Taribo West, arriva all’Inter che lo paga 6 miliardi lire, una cifra di tutto rispetto e con questa squadra vince la Coppa Uefa 1997-98. Ma  in casa nerazzurra dura poco, ed eccolo passare sull’altra sponda del Naviglio, ed indossare la maglia del Milan. Anche qui Taribo non lascia un segno indelebile, se non la notorietà che gli deriva dalle treccine, dalla rudezza del suo gioco, e dalla sicurezza in campo. Si susseguono poi nella sua carriera  Derby County, Kaiserslautern, Partizan Belgrado, Al-Arabi e Plymouth.  Da segnalare anche le sue 41 presenze nella nazionale nigeriana con cui trionfa ai giochi Olimpici di Atlanta.
Ma se la vita di Taribo in campo scorre moderatamente serena, non si può dire altrettanto di quella privata. Dopo essersi ritirato dal calcio, un bel giorno si dichiara pastore pentecostale, e fonda addirittura una sua chiesa, la Shelter in the Storm che, come dice il nome, dovrebbe essere  un rifugio “nella tempesta” per i più bisognosi, solo che non si trova in prossimità di qualche povero villaggio nigeriano, ma alla periferia di Milano. In più, mentre sembra molto impegnato nelle sue opere di carità, come la Taribo West Foundation, messa su per aiutare i bambini nigeriani in difficoltà e una scuola calcio che ha realizzato con George Weah, Taribo si becca una denuncia per violenze fisiche e verbali dalla moglie Atinuke, che lo accusa anche di non aver mai consumato il matrimonio. 
Non sappiamo bene quale sia la realtà di tutto ciò, ma certo l’ex calciatore sembra voler sostenere di avere con Dio una sorta di filo diretto, come quando si presentò davanti a Marcello Lippi dicendogli: “Dio ha detto che devo giocare” e Lippi, con ironia, rispose: “Strano, a me non ha fatto sapere nulla…”.
Attualmente, Taribo West vive a Milano dove ancora esercita la sua attività di pastore pentecostale e si è dichiarato tifoso dell’Inter.

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...