Stavolta tocca a noi, arriva l'uragano Ophelia: i precedenti in Europa

12 ottobre 2017 ore 10:38, Americo Mascarucci
Grande paura per l'Europa, arriva l'uragano Ophelia che secondo gli esperti, dalle Azzorre si starebbe spostando verso l'Irlanda con tutta la sua furia. Partita inizialmente come tempesta, negli ultimi giorni ha assunto sempre più le caratteristiche di uragano 1 in grado di produrre gli stessi devastanti effetti provocati in Florida e negli Usa dall'urgano Irma e prima ancora da Alex. E l'allerta è tanta.
Stavolta tocca a noi, arriva l'uragano Ophelia: i precedenti in Europa

PAURA IN EUROPA
Ophelia sarebbe così il decimo uragano consecutivo che si è andato formando durante l'estate. L’allarme arriva dal National Hurricane Center di Miami, secondo il quale la tempesta, vista dal satellite, avrebbe già assunto le caratteristiche di un uragano. Ophelia è caratterizzata da venti di oltre 110 km orari. Secondo le previsioni del Centro nazionale uragani americano, potrebbe passare al largo del Portogallo tra sabato e domenica, per poi investire l'Irlanda e la Scozia, perdendo potenza lunedì e tornando a livello di tempesta tropicale. Secondo gli esperti una volta attraversato l'Atlantico dovrebbe perdere parte della sua potenza, quindi giunto in Europa dovrebbe portare venti forti, mareggiate violente e intensi nubifragi, ma senza gli scenari apocalittici che si sono visti al passaggio di Irma e degli altri uragani in Florisa e nei Caraibi. Ma l'allerta come detto resta alta.  

I PRECEDENTI
Non è tuttavia la prima volta che l'Europa è attraversata da urgani. E' successo già in passato. 
Nel 2005  l'uragano Maria raggiunse l'Islanda meridionale e la Norvegia. La Spagna sempre in quell'anno fu interessata invece dall'uragano Vince.
Poi in anni ancora precedenti ecco l'uragano Micht sulle isole britanniche nel 1998, l'uragano Lilli fra Irlanda e Regno Uniti, l'urgano Iris che colpì Francia e Inghilterra nel 1995. Nell' ottobre del 2009 fu la volta della Tempesta Tropicale Grace, che raggiunse il Portogallo e poi le Isole britanniche portando forti venti, nubifragi intensi e mareggiate. 
Nel 2006 arrivò invece l'Uragano Gordon  con venti sino a 132 km/h. Anche in questo caso fu marginalmente colpito il Portogallo con venti sino a 183 km/h che raggiunsero le coste spagnoli e il sud dell'Irlanda. Subito dopo sopraggiunse l'Urgano Helene che toccò l'Irlanda generando venti sino a 91 km/h a Valentia e 118 km/h in Scozia. 
Tutte tempeste tropicali che, giunte in maniera contenuta dopo aver attraversato l'Atlantico che ne indebolì la potenza, non mancarono tuttavia di provocare danni ingenti ai territori colpiti.
Diverso il caso dell'urgano Debbie, che il 16 Settembre 1961, raggiunse le coste irlandese come Uragano di Cat.1 con venti sino a 161 km/h, talmente potente da aver provocato oltre a danni molto ingenti anche 11 morti. 

#uraganoophelia #europa #precedenti
caricamento in corso...
caricamento in corso...