Retromarcia Foreign Office: scuse "tecniche" all'Italia per i moduli razzisti

13 ottobre 2016 ore 12:44, Adriano Scianca
Alla fine il ministero degli Esteri inglese si è scusato. Le proteste italiane per i moduli che, nelle scuole dell'Inghilterra e del Galles, distinguevano italiani da siciliani e napoletani, hanno portato il Foreign Office a fare marcia indietro: “Il governo britannico acquisisce informazioni linguistiche come parte del censimento scolastico per assicurarsi che gli studenti di madrelingua diversa dall’inglese possano ricevere la migliore istruzione possibile nel Regno Unito. Ci è stata segnalata la presenza di uno storico errore amministrativo nei codici linguistici in uso fin dal 2006” si legge nel comunicato. “Anche se tale errore non ha avuto alcun impatto sull’istruzione ricevuta dagli alunni italiani nel Regno Unito, il governo britannico esprime il proprio rammarico per l’accaduto e per le offese da questo eventualmente arrecate. Il ministero dell’Istruzione britannico ha modificato i codici in questione e da oggi tutti gli allievi di madrelingua italiana saranno classificati sotto un unico codice”. 

Retromarcia Foreign Office: scuse 'tecniche' all'Italia per i moduli razzisti
I moduli d'iscrizione online di alcune scuole britanniche applicavano infatti "etichette" regionali ai bambini provenienti dal nostro Paese, in modo che si poteva scegliere se indicare "italiano", "italiano siciliano" e "italiano napoletano". L'ambasciata d'Italia a Londra aveva fatto notare che "siamo uniti dal 1861". Dopo la protesta sono giunte le scuse di Londra e i moduli sono stati corretti. La denuncia era partita da alcuni genitori. "Si tratta di iniziative locali - ha spiegato l'ambasciatore Pasquale Terracciano -, motivate probabilmente dall'intenzione d'identificare inesistenti esigenze linguistiche particolari e garantire un ipotetico sostegno". "Ma di buone intenzioni - ha aggiunto - è lastricata la strada dell'inferno, specie quando diventano involontariamente discriminatorie, oltre che offensive per i meridionali".

caricamento in corso...
caricamento in corso...