Bisceglie, cercasi "genitori adottivi" per cani: per loro meno tasse. Un figlio conviene ancora?

14 marzo 2016 ore 16:36, Lucia Bigozzi
Puglia a quattro zampe? Forse non tutta, ma sicuramente a Bisceglie dove l’ultima novità riguarda uno sconto sulle tasse comunali a chi adotta un cane. La notizia non può passare inosservata e non solo per la sua particolarità. Sul web è già al centro di forum e discussioni a colpi di click. E come dare torto agli inguaribili internettiani sempre aggiornati su tutto? La notizia certamente si può prestare a varie letture e interpretazioni, non ultima quella in base alla quale pare lecito chiedersi se in tempi di nascite in picchiata, famiglie che non arrivano alla fine del mese, costi della vita sempre più alti a fronte di stipendi ancorati in fondo al mare (e come tale fermi da anni) sia opportuno lanciare uno sconto sulle tasse comunali in cambio dell’adozione di Fido. Per carità e sgomberiamo subito il campo: va benissimo salvare un cane dal destino del canile, ma la domanda che sorge spontanea – senza nulla togliere all’iniziativa dell’amministrazione comunale – è se a Bisceglie ci sia un quanto meno originale senso delle priorità. Della serie: largo ai cani, gli uomini e le donne possono aspettare. Tant’è.

Bisceglie, cercasi 'genitori adottivi' per cani: per loro meno tasse. Un figlio conviene ancora?
La novità nuda e cruda è che a Bisceglie chi si prende a casa un cane dal canile comunale pagherà meno tasse. L’amministrazione comunale lo rivendica come “un provvedimento di grande civiltà” e dettaglia lo “sconto” in una serie di sgravi tributari sulle tasse comunali (Tari) per i “genitori” adottivi di Fido. Secondo le intenzioni del Comune, ciò servirà da un lato a dare un freno al fenomeno del randagismo, dall’altra si aggiunge al piano per le sterilizzazioni che anche in questo caso prevede un contributo da parte dell’amministrazione cittadina. Sconti, dunque, anzi super-sconti se si pensa che l’abbattimento della Tari viaggia sul 70 per cento dell’importo dovuto (fino a un massimo di 500 euro) se si adotta un cane dal canile e lo si custodisce da almeno tre anni. Riduzione del 50 per cento se Fido lo si è preso da almeno 180 giorni fino e almeno fino a tre anni. Niente sconto, invece, per chi adotta un cucciolo (anche se visto l’impianto dell’iniziativa sfugge la ratio). Fin qui la novità pugliese. Chissà se a Bisceglie, davanti al canile municipale c’è già la fila per le adozioni e magari anche il numeretto come al supermaket? Un’ultima annotazione: e chi non può o non vuole occuparsi di un cane, per quale motivo dovrebbe pagare per intero le tasse comunali? E ancora: in che modo il Comune pensa di compensare lo sconto e il super-sconto a chi è già davanti al canile col guinzaglio in mano? 

autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...