Porte aperte per Sting al Bataclan, fuori gli Eagles: è polemica!

14 novembre 2016 ore 12:29, Micaela Del Monte
Il nuovo Sting per il nuovo Bataclan. Lo scorso 12 novembre infatti,  il locale parigino massacrato dalle stragi dell'attacco islamista ha riaperto i battenti e lo ha fatto assieme al cantante britannico che, oltre ad aver cantato i suoi più grandi successi come"Roxenne", "Englishman in New York" e "Message in a Bottle", ha presentato anche i brani del nuovo album, "57Th & 9Th", appena uscito. 

Un doppio inizio quindi che però non ha placato le polemiche legate agli ospiti del Bataclan che la sera del 13 novembre 2015 erano lì per suonare. Gli Eagles Of Death Metal infatti non sono stati bene accetti. La scorsa sera la direzione del locale di Parigi ha rifiutato di far entrare due dei componenti degli Eagles che volevano assistere al concerto di Sting. "Sono venuti ma li ho mandati via. Ci sono cose non si perdonano", ha detto il direttore della Sala concerti Jules Frutos, citato dalla stampa francese. A inizio marzo, ancora segnato dal massacro, il frontman del gruppo aveva detto che a suo avviso l'attacco era stato preparato dall'interno della sala esprimendo sospetti nei confronti del servizio di sicurezza. 
Porte aperte per Sting al Bataclan, fuori gli Eagles: è polemica!
Quelle relative alla sicurezza però non furono le uniche parole contestate del frontman del gruppo. Il leader del complesso, intervistato a primavera da Taki’s magazine - un giornale americano dalle posizioni estremiste - affermò di aver visto "dei musulmani festeggiare in strada durante l’attacco, in tempo reale". E ancora: "Mi ricordo di loro mentre fissavano il mio amico. Ho semplicemente considerato che si trattava della gelosia degli arabi" rispetto agli americani. In seguito alle reazioni indignate si era scusato. Il gruppo californiano era già tornato a suonare a Parigi, al termine di un concerto degli U2 alla Bercy-Arena a inizio dicembre. A febbraio, si era esibito all’Olympia per “concludere” il concerto del 13 novembre davanti a numerosi superstiti. La scorsa sera però non sono stati bene accetti e hanno dovuto girare i tacchi e lasciare quel palco, da cui loro hanno assistito alla strage, ad un big assoluto della musica e tutto questo senza poter replicare. 

Sting intanto proseguirà il suo tour di presentazione del nuovo album e infatti domani, 15 novembre 2016, inaugurerà la prima serata del programma di Rai 2 “Stasera Casa Mika”, presentato proprio dal cantante anglo-libanese.
caricamento in corso...
caricamento in corso...