Nizza, "Sangue al Gaslini": bufala social su bambini manda in tilt i telefoni

15 luglio 2016 ore 15:47, intelligo
I social network possono salvare vite, ma sono anche in grado di ottenere l'effetto opposto. Complicando, nella fattispecie, le operazioni di soccorso e più in generale il lavoro di chi opera nel sistema sanitario. Non una vera e propria bufala, ma probabilmente un eccessivo slancio di solidarietà.

"Stanno arrivando moltissime segnalazioni, una dimostrazione commovente di solidarietà, ma dobbiamo precisarlo: al momento non c’è alcun piccolo ferito proveniente dalla Francia, e dalle prime ore della mattinata il centro trasfusionale è in tilt per le troppe chiamate - hanno confermato dall’ospedale Gaslini a Genova Today - Un’informazione scorretta rende difficile lavorare, anche se capiamo e ringraziamo tutti coloro che si sono offerti di donare".

Nizza, 'Sangue al Gaslini': bufala social su bambini manda in tilt i telefoni
Si era infatti sparsa la voce che servisse con urgenza sangue alla struttura ospedaliera per aiutare decine di bambini coinvolte nell'attentato terroristico della cittadina francese.
L’ospedale Gaslini ha dato "piena disponibilità" all’accoglienza e alla cura di eventuali piccoli feriti provenienti da Nizza, ma al momento "non sono previsti arrivi", nonostante sui social continuino a diffondersi voce che vanno in direzione opposta a quanto comunicato al quotidiano locale dalla struttura ospedaliera genovese. 


autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...