Influenza, anno di nascita "decide" virus che avrai: attenti al 1968

15 novembre 2016 ore 14:32, Andrea De Angelis
L'anno di nascita determina il virus a cui saremo più esposti da grandi. Non c'entra l'oroscopo, dunque niente segni zodiacali. Non contano neanche le stagioni, i mesi, i giorni del calendario. Ma l'anno, dunque ancora meglio l'epoca. 

Questa l'intuizione di alcuni ricercatori che hanno voluto dimostrare come donne e uomini del pianeta risulteranno più esposti a un virus piuttosto che a un altro in base al loro anno di nascita. In altre parole, il fatto che un soggetto sia venuto a contatto con un certo tipo di virus durante i primi anni di vita lo renderebbe libero dall'ammalarsi in età adulta. Per questo, nella ricerca in questione si parla di "imprinting immunologico", che dà una forte protezione all'organismo contro l'insorgere di gravi infezioni. 

Influenza, anno di nascita 'decide' virus che avrai: attenti al 1968
"Se un bambino – spiega Michael Worobey, uno degli autori dello studio – viene infettato da  una di queste varianti, da adulto, quando incontrerà un variante simile di questa proteina, avrà una probabilità molto bassa di ammalarsi, avendo acquisito da piccolo una sorta di protezione". 
Partendo da questo presupposto gli studiosi hanno stimato che i nati prima del 1968 risultavano più vulnerabili al ceppo H7N9; di contro invece avevano una maggiore resistenza all’ H5N1, che avevano contratto da bambini. I ricercatori affermano che proprio questo meccanismo potrebbe essere alla base della grande epidemia di influenza del 1918. Se il ragionamento risultasse valido, si potrebbe riuscire a prevenire grandi epidemie come quella di quasi cento anni fa. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...