Dal sesso in cambio di voti alla coca: prof agli arresti beccato con spacciatore

16 dicembre 2016 ore 20:36, Americo Mascarucci
Doveva stare agli arresti domiciliari nella sua abitazione di Bologna, è stato beccato dai Carabinieri ad acquistare cocaina a Torino.
Protagonista il docente universitario di 47 anni arrestato l’11 novembre scorso con l’accusa di tentata concussione dai carabinieri della sezione di polizia giudiziaria della procura della Repubblica di Torino.
Il professore, associato dell'Università di Torino, è accusato di aver chiesto a una studentessa rapporti sessuali, oltre all'invio di foto hard, in cambio di voti positivi ma con aggiunta la minaccia di rendere noti particolari intimi della sua vita privata. 

Dal sesso in cambio di voti alla coca: prof agli arresti beccato con spacciatore
Nei giorni scorsi il professore aveva ottenuto il permesso di farsi ricoverare in una clinica del Canavese per curare alcuni problemi di salute.
L’altro ieri, intorno alle 12,30, una pattuglia dei carabinieri lo ha sorpreso con tre dosi di cocaina in tasca, appena acquistate da uno spacciatore nei pressi di Lungo Dora Firenze, vicino al Campus universitario Luigi Einaudi. 
Lo spacciatore che gli ha venduto la droga è riuscito a fuggire.
Intanto proseguono le indagini sui presunti ricatti sessuali all'Università di Torino, dal momento che gli inquirenti ritengono che anche altre studentesse potrebbero aver ricevuto la "proposta indecente".
Le indagini, coordinate dal pm Gianfranco Colace hanno portato nei giorni scorsi ad ascoltare altre ragazze che si suppone possano essere state oggetto di presunte molestie da parte dell'uomo.
Indagini che però proseguono nel più stretto riserbo.


caricamento in corso...
caricamento in corso...