Accusa di plagio per la cover di Mina e Celentano: le prove del fotografo

16 novembre 2016 ore 12:29, Adriano Scianca
Il nuovo album di Mina e Adriano Celentano, “Le migliori”, è già un caso, e non solo per la musica. La copertina del disco mostra infatti quattro signore in abiti eccentrici, il cui volto è però proprio quello dei due artisti. La cover, realizzata da Mauro Balletti (storico collaboratore di Mina), è stata però contestata dal fotografo Ari Seth Cohen. In un lungo post su Instagram, l'artista ha mostrato la copertina accanto a un suo scatto e ha suggerito la possibilità che vi sia stato un plagio ai suoi danni.

Accusa di plagio per la cover di Mina e Celentano: le prove del fotografo

“Ho pensato fosse importante condividere un evento recente che è abbastanza sconfortante per me – scrive Cohen sul social network –. Pochi mesi fa, sono stato contattato da una casa discografica italiana per la licenza di questa immagine da utilizzare per la realizzazione della cover di un album di due degli artisti più famosi in Italia, Mina e Adriano Celentano. Volevo modificare l’immagine inserendo i volti dei due artisti per ovvi scopi promozionali: spesso mi viene chiesta licenza per scopi pubblicitari, ma sono molto attenti a preservare e proteggere e l’integrità del mio stile e delle persone ritratte. Ma in questo caso la quantità di denaro che la casa discografica mi ha offerto non mi avrebbe permesso di compensare equamente le donne, oltre al fatto che avrei dovuto rinunciare ai diritti per tutte le eventuali e future riproduzioni e manipolazioni dell’immagine. Per questo ho chiesto ad un amico agente di aiutarmi con la negoziazione, ma l'azienda ha rifiutato la nostra offerta e quindi non si è raggiunto un accordo per la licenza”. 

Poi la scoperta della copertina effettivamente scelta dalla casa discografica. Prosegue il fotografo: “Pochi giorni fa però, sono rimasto costernato quando finalmente ho visto la copertina del nuovo album, Le Migliori. La casa discografica ha ricreato la mia immagine originale utilizzando un proprio fotografo. Vedo spesso vari marchi e campagne pubblicitarie prendere spunto dal mio progetto Advanced style, ma io non sono mai stato così palesemente plagiato. Ho scelto di portare questo problema alla luce perché credo sia importante far rispettare il lavoro e le idee originali di freelance, artisti indipendenti, designer e fotografi. E così frustrante quando vedo o sento di proprietà intellettuali ‘strappate’ via da aziende grandi e potenti. La mia speranza è di poter aprire una discussione su più larga scala, e focalizzare l’attenzione sui diritti degli artisti”.

caricamento in corso...
caricamento in corso...