L'arte prima della scienza: Mantegna disegnò malattia ancora sconosciuta

16 settembre 2016 ore 12:17, Americo Mascarucci
La malattia in un’opera d’arte, con l'arte che in questo caso anticipa la scienza.
La rivista inglese The Lancet Neurology ha pubblicato una ricerca del Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche dell’Università di Torino che identifica ne «La camera degli sposi» di Andrea Mantegna i sintomi di una malattia, la neurofibromatosi di tipo 1, più di 80 anni prima della sua scoperta. 
L’affresco prodotto tra il 1465 e il 1474 che si può ammirare al Palazzo Ducale di Mantova vede fra i personaggi una figura che dimostrerebbe i sintomi della neurofibromatosi, malattia ereditaria che colpisce le cellule nervose e muco-cutanee caratterizzata dalla presenza di numerosi tumori benigni della pelle e del tessuto nervoso.  
Si tratta della malattia di Von Recklinghausen e ad esserne colpita è una donna di servizio affetta da nanismo che compare in seconda fila, al centro del quadro

L'arte prima della scienza: Mantegna disegnò malattia ancora sconosciuta
La figura fantesca ne presenta proprio i tipici tratti distintivi: cinque neurofibromi sul viso, un neurofibroma sul dorso della mano destra, almeno altri cinque sulle guance e sul mento. 
La precisione del Mantegna sarebbe stata tale da descrivere un altro sintomo tipico della patologia: i noduli di Lisch, ovvero delle piccole escrescenze sull'iride dell'occhio. 
La prima descrizione della malattia, ad opera del medico bolognese Ulisse Aldrovandi, risale al 1592 ma Mantegna ne fa una descrizione clinica circa 86 anni attraverso la sua arte. 
"L’arte - spiega Raffaella Bianucci - riveste un ruolo fondamentale nell'ambito della scienza medica. Le rappresentazioni artistiche permettono agli studenti di medicina di sviluppare in ambiente protetto le proprie capacità di osservazione, descrizione e interpretazione, capacità che saranno loro necessarie nello svolgimento della professione".
Insomma in questo caso l'arte ha battuto la scienza, e l'artista è stato capace di descrivere alla perfezione i sintomi della malattia prima che a farlo fosse la medicina.


caricamento in corso...
caricamento in corso...