Supplenti temporanei mandano in tilt sito del Miur: è caos domande

19 luglio 2017 ore 11:20, Americo Mascarucci
Il sito del Ministero dell'Interno è andato letteralmente in tilt a causa delle 8.000 domande all'ora presentate dagli aspiranti supplenti che hanno portato ad una media di 700mila accessi in pochi minuti. C'è stata dunque una corsa alla compilazione del cosiddetto modello B, il modulo che consente all'insegnante supplente di indicare la scelta delle 10 o 20 scuole della provincia in cui intende fare supplenza nei prossimi tre anni. Peccato che molti il modulo non siano nemmeno riusciti a scaricarlo proprio a causa dell'impossibilità di poter accedere al sito del Miur.
Supplenti temporanei mandano in tilt sito del Miur: è caos domande

IL CAOS
Fare il supplente temporaneo, ossia sostituire un docente per pochi giorni non è prerogativa dei soli laureati, ragione per cui sono molti i giovani universitari che asprano a questo lavoro e che quindi hanno interesse a presentare domanda. Ecco giustificato l'assalto al sito e tutti i disservizi che ne sono conseguiti. 
 "Senz’altro nessuno si aspettava più di 700 mila domande per il rinnovo delle graduatorie d’istituto e questo – spiega Francesco Sinopoli, segretario generale della Flc Cgil a Il Fatto Quotidiano – è significativo dello stato occupazionale del Paese ma ciò non giustifica le enormi difficoltà che si stanno affrontando per la compilazione del modello B. Il sistema è completamente bloccato senza che alcuno al ministero sappia spiegarne le cause". 
Ovviamente non potendo collegarsi al sito e compilare il modulo tanti hanno chiamato i centralini del Ministero per avere chiarimenti. Ma possibile che ogni volta gli uffici pubblici debbano trovarsi impreparati di fronte a vicende come questa? Non era ampiamente prevedibile che sarebbero stati tanti gli aspiranti supplenti temporanei che avrebbero preso d'assalto il sito per scaricare il modulo? E possibile che nell'era in cui tutto è digitalizzato e tutto si fa online per semplificare le procedure i siti ministeriali vadano letteralmente in tilt ogni volta che si è a ridosso di scadenze più o meno importanti? possibile non si riesca a fare in modo tale che i server pubblici siano in grado di reggere il peso degli accessi?
"Il problema non è un guasto - dice all'AdnKronos il segretario di Uil Scuola, Pino Turi - è il solito problema tra la teoria e la realtà. Qui stiamo parlando di 700mila domande di precari, un numero che fa andare in tilt il sistema. Non è un problema di guasto momentaneo ma di programmazione". La preoccupazione dei sindacati è palese. Decine di migliaia di supplenti, per accedere alle graduatorie e sperare in una supplenza per il triennio 2017-2019 a partire da settembre, devono completare questa trafila entro il 25 luglio.
"Stiamo parlando di ottomila domande all'ora e il sistema non regge - continua Turi - Bisognerebbe dare garanzie a tutti i precari per presentare la domanda oltre la scadenza del 25 luglio e contingentare per regione. L'importante è che si faccia presto per le graduatorie esaurite in molte regioni".
Appunto, basterebbe programmare tutto e certi problemi forse potrebbero essere evitati. 

#miur #sito #intilt

caricamento in corso...
caricamento in corso...