Silvana De Mari: anche 'Torino Pride' denuncia il medico scrittore

20 gennaio 2017 ore 14:38, Luca Lippi
Il Coordinamento Torino Pride ha deciso di agire legalmente contro Silvana De Mari. Torino Pride ha infatti dato mandato all’avvocato Nicolò Ferraris di procedere legalmente contro la dottoressa e scrittrice ormai diventata una star dell’omofobia. AlessandroBattaglia, coordinatore di Torino Pride, ha commentato:“Siamo stanchi di continuare ad essere insultati senza mai poter reagire e per questo, di fronte alla incredibile volgarità e all’odio sprigionato dagli scritti e dalle parole di Silvana De Mari, crediamo sia arrivato il momento di dare mandato al nostro legale di procedere contro la stessa in tutte le sedi opportune. Abbiamo dimostrato nel corso di questi anni di essere persone serie, la nostra dignità non è infangabile e il nostro instancabile lavoro per una società dove i pregiudizi, il razzismo e l’odio non abbiano spazio ci impone di agire con forza e senza tentennamenti. Le parole hanno sempre un peso ed è nostro dovere difendere tutti e tutte coloro che, in qualche modo, soffrono per la propria condizione e certamente non possono essere aiutate da una società e da soggetti che rivendicano il diritto all’odio.

Silvana De Mari: anche 'Torino Pride' denuncia il medico scrittore

Eppure i seguaci di Silvana de Mari sono tanti e si riuniscono nella pagina Rivogliamo “Silvana De Mari Community”. Gli oppositori invece stanno spammando la bacheca della sua pagina e hanno organizzato una petizione su Change.org per farla radiare dall’albo dei medici. A lanciare la raccolta firme contro colei che si batte per "il diritto all'omofobia" è stata Roberta Amato: “Chiediamo la radiazione immediata della dottoressa De Mari dall’Ordine dei Medici di Torino per avere espresso in sede pubblica pareri obsoleti in merito ai rischi della sessualità omosessuale, alla definizione – velata di forti pregiudiziali omofobe – di Gay Bowel Syndrome, per aver ridicolizzato, umiliato, deriso, con la pietà pelosa di chi è in malafede, chi abbia rapporti omosessuali. Per avere lordato anche la sessualità eterosessuale, descrivendo come pericolose pratiche sicure, descrivendole in maniera turpe e paventando lesioni e inesistenti rischi di malattie”. Questo il testo della petizione. 
Ma chi è Silvana De Mari? Nata in provincia di Caserta e oggi vive a poca distanza da Torino. A 23 anni si è laureata con la lode in medicina all’Università di Torino per poi specializzarsi in chirurgia generale e psicologia cognitiva. Altra specializzazione è arrivata all’Università di Milano in chirurgia ed endoscopia dell’apparato digerente. Ed è proprio questa specializzazione che l'ha portata a scontrarsi con la comunità Lgbt. 
La De Mari, dall’alto della sua professione, ha infatti descritto l’omosessualità quale atto non solo contro natura per l’evidente assenza del fine riproduttivo dell’atto sessuale, ma anche fortemente dannoso per la salute soprattutto dell’organismo maschile. Non solo la De Mari ha affermato più volte la pericolosità dell’omosessualità maschile, sia da un punto di vista clinico sia psicologico. 
Nei suoi confronti l’Ordine dei Medici ha già aperto un fascicolo che potrebbe portarla alla radiazione: “Quello dei gay è oggi il vero pensiero unico, contro il quale voglio sentirmi libera di esprimermi“, spiega De Mari su Facebook.

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...