Odissea di un bambino autistico rifiutato da 3 scuole: "Un disabile di troppo"

21 marzo 2017 ore 7:34, Americo Mascarucci
Gli articoli 33 e 34 della Costitìzione recitano testualmente: "La scuola è aperta a tutti. L’istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita. I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. La Repubblica rende effettivo questo diritto con borse di studio, assegni alle famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso". Di fronte a certe disposizioni appare ancora più assurda la storia che arriva da Lanciano dove la mamma di un alunno autistico ha denunciato di essersi vista rifiutata l'iscrizione del figlio da tre diverse scuole medie. Apparentemente il rifiuto sarebbe stato motivato con il fatto che le scuole in questione avrebbero già un numero consistente di alunni disabili, tale da impedirne l'accettazione di altri. 
Non ci sarebbero insomma gli spazi sufficienti per accogliere il bambino. Eppure è la legge a prevedere che gli alunni con disabilità abbiano la precedenza assoluta in sede d'iscrizione.
Odissea di un bambino autistico rifiutato da 3 scuole: 'Un disabile di troppo'

La madre disperata, dopo essersi vista chiudere le porte di tre istituiti, si è recata dal sindaco Mario Pupillo per denunciare la situazione e per protestare contro quello che, a suo giudizio, sarebbe un diritto negato:
"Era infuriata e dispiaciuta - racconta il sindaco - per suo figlio che a dieci anni non trova posto nella scuola dell’obbligo. Stiamo verificando cosa sia accaduto esattamente, ma è chiaro che se le cose sono andate come mi ha spiegato la mamma del bambino interverremo immediatamente. Nel frattempo ho allertato il nostro assessore alla Scuola che incontrerà la donna e cercherà di trovare subito la soluzione migliore per il bambino".
Non solo, la mamma si è rivolta anche alla Polizia denunciando i dirigenti scolastici degli istituti che hanno rifiutato l'iscrizione. Non è escluso quindi che la vicenda, oltre che un risvolto politico, possa finire anche in Tribunale.
Perché, se c'è un obbligo d'istruzione, è possibile rifiutare un'iscrizione adducendo, come sembra, la mancanza di spazi?

#ragazzo #autistico #rifiuto #3scuole

caricamento in corso...
caricamento in corso...