Hyperloop: altro che Frecciarossa. Il treno da 1000 km/h (con sospensioni italiane)

22 maggio 2016 ore 17:22, Adriano Scianca
Se i 300 chilometri orari percorsi dal Frecciarossa vi sembrano l'avanguardia della velocità futuristica, allora non siete ancora pronti per la rivoluzione Hyperloop, il treno voluto dal magnate Elon Musk e progettato per viaggiare a mille chilometri orari. Per rendere l'idea, si tratterebbe si percorrere la tratta Roma-Milano in mezzora. Un progetto visionario, eppure ben avviato. E c'è anche un pizzico d'Italia. La start up Ales Tech, fondata da studenti di Università di Pisa e Scuola Superiore Sant'Anna, è infatti coinvolta nel progetto e fornirà le sospensioni ai finalisti della gara mondiale voluta dal fondatore di Space X e Tesla per ideare la tecnologia al servizio del treno superveloce. 

Hyperloop: altro che Frecciarossa. Il treno da 1000 km/h (con sospensioni italiane)
Un compito non da poco: a quelle velocità la funzione delle sospensioni è fondamentale per attutire le forti vibrazioni. I due coordinatori del gruppo italiano, Luca Cesaretti e Lorenzo Andrea Parrotta, hanno trasformato nella tesi il lavoro svolto sul campo, per prepararsi alla gara, e in seguito il gruppo si è trasformato in una start-up. Del gruppo originale è rimasto anche Tommaso Sartor , mentre si sono aggiunti studenti di economia e giurisprudenza, come Andrea Paraboschi e Antonio Davola, rispettivamente responsabile strategia e innovazione e responsabile legale. Ma come funziona il nuovo progetto? L’Hyperloop in è un treno a levitazione magnetica che viaggia all’interno di un grande tubo quasi totalmente vuoto. La mancanza di atmosfera riduce l’attrito e in teoria dovrebbe permettere ai passeggeri di spostarsi a velocità sin qui inaudite. 

Secondo il CEO di Hyperloop One, Rob Lloyd, l’azienda sarà in grado di trasportare passeggeri a partire dal 2021. La strada verso l'inaugurazione è però impervia. A parte problemi tecnici relativi alle conseguenze per il corpo umano di simili velocità, soprattutto in partenza e all'arrivo, il “treno proiettile” dovrà viaggiare in linea retta. Il che porrà una serie di problematiche relative all'acquisto di terreni su cui, obbligatamente, il treno dovrà passare. Insomma, Hyperloop viaggerà fortissimo, ma la sua gestazione sarà lenta.
caricamento in corso...
caricamento in corso...