Addio Canone Rai, per la Lega basta tassare le prostitute

22 novembre 2016 ore 16:46, Andrea De Angelis
Il Canone Rai è sceso a 100 euro e il prossimo anno calerà ancora di dieci euro, ma la Lega con una proposta choc promette di eliminarlo: basta tassare la prostituzione e l'odiosa spesa annuale per milioni di italiani svanirà in un batter d'occhio. Una bufala? Niente affatto, si tratta di una vera proposta. 

L’emendamento alla Legge di Bilancio che porta la firma di Davide Caparini, deputato delle Lega Nord, “riunisce due battaglie storiche della Lega, con l’una copriamo l’altra. Aboliamo il canone Rai con i proventi del meretricio”. Così il parlamentare del Carroccio, che nel difendere la sua tesi ricorda una pronuncia risalente a cinque anni fa. 

Addio Canone Rai, per la Lega basta tassare le prostitute
Secondo Caparini, infatti, già dal 2011 i giudici costituzionali hanno reso possibile la tassazione dei proventi della prostituzione “indipendente” e “professionale”. "La nostra proposta – spiega ancora – vuole prendere atto di cosa il giudice costituzionale ha sancito come legale e tassabile ai fini Iva e Irpef". Con la tassazione, la copertura andrebbe “ben oltre” l’introito annuale del canone, pari a 1,7 miliardi, conclude Caparini. Insomma, la Lega sembra fare sul serio, ma è evidente che prima di procedere in una simile direzione, come indirettamente ha ricordato lo stesso leghista, occorrerà vincere l'altra battaglia della Lega. Quella relativa alla tassazione della prostituzione. A quel punto i proventi potranno essere usati "anche" per abolire il noto Canone...
caricamento in corso...
caricamento in corso...