Allarme nuove droghe: in 40mila al Pronto Soccorso: la fascia a rischio

24 ottobre 2017 ore 14:27, intelligo
Pericolo nuove droghe per i giovani. Cocaina, cannabis 'rafforzata', alcol e anfetamine sono facili da trovare, a basso costo e difficili da identificare. Per questo i ragazzi che ne fanno uso sono in forte crescita. I numeri parlano chiaro: ogni anno sono 40mila gli accessi nei pronti soccorso psichiatrici (6,8% degli accessi ai pronto soccorso psichiatrici in Italia), per i disturbi causati da tali sostanze.

Allarme nuove droghe: in 40mila al Pronto Soccorso: la fascia a rischio
Di questo nuovo fenomeno si è parlato oggi al convegno di presentazione della nuova 'Carta dei Servizi dei pazienti nelle condizioni cliniche di comorbilità tra disturbi mentali e disturbi da uso di sostanze e addiction (doppia diagnosi)", organizzato da Federsed (Federazione Italiana degli operatori dei Dipartimenti e dei Servizi delle Dipendenze), SIP (Società Italiana di Psichiatria) e SINPIA (Società Italiana di Neuropsichiatria dell'Infanzia e dell'Adolescenza). Uno studio sui clienti di cinque club romani getta benzina sul fuoco: su 273 utenti di età compresa da 18 e 30anni, il 78% riportava pregresso utilizzo delle cosiddette 'nuove sostanze psicoattive' (NPS), mentre l'89% riportava utilizzo corrente di cocaina. "La comorbilità fra un disturbo mentale e un disturbo da uso di sostanze usualmente definita come condizione di 'doppia diagnosi' - spiega il presidente Sip Bernardo Carpiniello - rappresenta un'evenienza particolarmente frequente".

FASCIA A RISCHIO
Per gli psichiatri, l’allarme è anche maggiore per i ricoveri di urgenza, con diagnosi relative a problemi di uso di droghe, in particolare sempre nella fascia d’età 15-24 anni, che cresce più velocemente delle altre. Più in generale, il numero complessivo di accessi ai pronto soccorso per motivi psichiatrici ammonta a 585.087 casi, circa il 2% del totale.

#droghe #salute #psichiatri






autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...