Terremoto Amatrice, Umbria e Marche: 24 ore con 470 scosse da 3.0

25 agosto 2016 ore 11:22, Lucia Bigozzi
Oltre 470 scosse fino alle 8 di stamani. E tutte di magnitudo superiore ai 3.9. La terra trema ed è come, secondo gli esperti, se l’Appennino “si stirasse”. La scossa più consistente che ha segnato un’altra nottata di terrore nei luoghi devastati dal terremoto, si è registrata stamani alla 5.17 con epicentro ancora una volta ad Accumoli, uno dei borghi più colpiti. 

Terremoto Amatrice, Umbria e Marche: 24 ore con 470 scosse da 3.0
La scossa è stata avvertita chiaramente anche a Roma e il dato impressionante è che dalla scossa di mercoledi 24 agosto, quella delle 3.36 di magnitudo 6.0, ne sono susseguite più di 470 come segnala l’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia
. In dettaglio: sono stati 85 gli eventi sismici localizzati, con magnitudo compresa tra 3.0 e 4.0, ma anche con intensità superiore fino a 5.4 che è poi la scossa rilevata a Norcia (sempre nella notte di mercoledì). Gli eventi sismici di maggiore intensità sono avvenuti anche ieri notte con magnitudo 3.8 alle ore 01.22, di magnitudo 4.5 alle 05.17 e di magnitudo 3.9. alle 6,51. Insomma in tutta la catena appenninica dell’Italia centrale è in corso un continuo scuotimento. E le 470 repliche del terremoto che ha devastato Amatrice, Accumoli e Pescara del Tronto, sono lì a dimostrare un fenomeno di particolare intensità che presenta molte similitudini col terremoto che il 6 aprile 2009 mise in ginocchio l’Aquila e l’Abruzzo. 

Danni e paura anche nella città di San Benedetto dove si contano danni alla Basilica e a Castelluccio di Norcia anche se, come hanno spiegato gli esperti, la ristrutturazione degli edifici storici eseguita in passato anche a causa dei precedenti terremoti che hanno colpito la zona, hanno tenuto evitando crolli e nuove vittime. I dati dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), aggiornati alle 8 del 25 agosto, segnalano quindi che dopo la prime due scosse principali, si sta assistendo a una serie molto costante di fenomeni di assestamento che tuttavia continuano a provocare crolli negli edifici maggiormente danneggiati e panico tra le persone che si sono salvate e che stanno vivendo da mercoledì un incubo per la perdita di familiari e amici, ma anche di tutto ciò che possedevano. 
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...