Diserbante nelle birre tedesche. E' scandalo, ma fa proprio così male?

26 febbraio 2016 ore 13:22, Adriano Scianca
Diserbante nelle birre tedesche. E' scandalo, ma fa proprio così male?
La notizia è di quelle che lasciano sgomenti: diserbante nella birra. Poi si scopre che la nocività della sostanza in questione, in realtà, è oggetto di dibattito scientifico. Non è comunque troppo rassicurante il dato che viene dall’Istituto per l’ambiente di Monaco. Secondo uno studio dell'organizzazione che si batte per le colture biologiche, infatti, 14 marche di birra tedesche contengono il diserbante glifosato. Il test in Germania ha coinvolto alcune fra le più note birre: Beck’s, Paulaner, Warsteiner, Krombacher, Oettinger, Bitburger, Veltins, Hasseroeder, Radeberger, Erdinger, Augustiner, Franziskaner, Koenig Pilsener e Jever. I livelli di diserbante registrati oscillano fra 0,46 e 29,74 microgrammi per litro, nei casi più estremi quasi 300 volte superiori a 0,1 microgrammi, che è il limite consentito dalla legge per l’acqua potabile (per la birra, invece, al momento non esiste limite). 

L’Unione dei birrai tedeschi ha tuttavia giudicato “non credibile” lo studio e ha definito “assurda e completamente infondata”  l’accusa di un mancato controllo sulle materie prime: “Nei nostri monitoraggi non sono mai stati riscontrati valori superiori ai limiti massimi consentiti per i residui di glifosato”. Il solo nome del diserbante glifosato mette timore, ma se andiamo a ben vedere, non p certo che sia davvero nocivo. L’organismo internazionale Iarc (International Agency for Research on Cancer) lo ha classificato come “probabile cancerogeno per l’uomo” nel marzo 2015. L’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio (Bfr) lo considera invece non pericoloso, almeno nelle quantità umanamente assumibili: “Un adulto dovrebbe bere intorno ai mille litri di birra al giorno per assumere una quantità di glifosato preoccupante per la salute”. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...