Crisi, anche Babbo Natale rischia il default

28 agosto 2015, Luca Lippi
Crisi, anche Babbo Natale rischia il default
Standard & Poor’s ha già retrocesso il rating della Finlandia, e Moody’s è seriamente intenzionata a togliere alla Finlandia la tripla A. Che succede al virtuoso paese nordico?

Nulla di diverso da quanto sta succedendo un po' ovunque nell’eurozona, semplicemente subisce gli effetti del progressivo default (più o meno dichiarato) di diversi Paesi dell’area euro che si aggiungono a criticità interne.

Andiamo con ordine: Helsinki è fra le prime capitali a reclamare il rigore e l’austerity per i paesi cosiddetti Piigs senza considerare che tanta durezza inevitabilmente ha colpito anche la sua fragile economia, sicuramente necessaria e sufficiente per l’amministrazione del Paese, ma non abbastanza per evitarle il domino.

La società Dianardia che organizza, per grandi e soprattutto per piccini, i tour all’ufficio postale di Babbo Natale, ricostruito a Rovaniemi, a un passo dal Circolo Polare Artico, causa l’austerity ha visto ridursi drasticamente le prenotazioni proprio da quei Paesi dell’Europa meridionale visti con sospetto dal popolo finnico (cui vanno aggiunti i russi sotto embargo a causa dell’Ucraina e della Crimea), che hanno disertato il paese dei laghi, contribuendo ad un crollo del turismo. Causa questa emorragia, la società non ha sufficiente liquidità per saldare un debito fiscale col Paese di circa 200 milioni di euro (che sono un buco importante per il bilancio di un Paese così piccolo).

A questo si aggiunge l’ormai “stagionato” collasso della Nokia che negli ultimi quattro anni ha causato recessione oltre 10% di disoccupati. Ciliegina sulla torta la crisi dell’industria della carta (causa digitalizzazione) e del calo di domanda di nickel e zinco.

Sono lontani i tempi in cui (1931), dopo che la Germania smise di onorare le sue rate di debito relative ai danni di guerra, tutte le nazioni fermarono i risarcimenti; tutte, tranne la Finlandia che finì di pagare il suo debito nel 1965. Anche l’intransigenza deve seguire una logica. 

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...